in

40 Curiosità Sulla Morte

Dagli Stati Uniti l’infermiera Diane Corcoran difende coloro che hanno intravisto l’aldilà.

Curiosità Sulla Morte
Dal film "Scala al paradiso" (A Matter of Life and Death) 1946 Michael Powell ed Emeric Pressburger.

C’è sempre qualcosa da imparare sulla morte. Qualcosa di strano che non conoscevi. Ecco 40 curiosità sulla morte da poter raccontare agli amici

40 Curiosità Sulla Morte (Pagina 1)

  1. Appena tre giorni dopo la morte, gli enzimi che aiutano a scomporre il cibo nella pancia di una persona iniziano a mangiare il corpo di quella persona stessa. Puoi Approfondire Leggendo Qui
  2. A New York, ogni anno, si suicidano più persone di quante ne vengano uccise.
  3. Durante il processo di morte, la laringe perde il riflesso della tosse. Si crea quindi un accumulo di muco che provoca il tipico rantolo della”morte.
  4. Subito dopo la morte, i bulbi oculari di una persona si appiattiscono a causa della perdita di pressione sanguigna.
  5. Tra 1 e 9 minuti dopo la morte, le pupille di una persona iniziano a dilatarsi e ad appannarsi. L’aspetto torbido è dovuto alla degradazione del potassio nei globuli rossi. Poiché la maggior parte delle persone muore con gli occhi aperti, il processo di solito si verifica abbastanza rapidamente, anche se in alcuni casi possono essere necessarie fino a 3 ore.
  6. Anche dopo 6 ore dalla morte, i muscoli di una persona continuano a contrarsi periodicamente. Puoi approfondire Leggendo Qui
  7. Quando una persona muore, il suo udito è l’ultimo senso a scomparire. Puoi Approfondire Leggendo Qui
  8. Si stima che il numero di persone uccise nelle guerre nel corso di tutta la storia sia compreso tra 150 milioni e 1 miliardo.
  9. Durante la seconda guerra mondiale, morì circa l’80% di tutti i maschi sovietici nati nel 1923.
  10. Ogni minuto, 300 milioni di cellule muoiono nel corpo umano.
  11. Capelli e unghie non crescono dopo la morte. Sembrano crescere quando i tessuti molli delle dita e del cuoio capelluto si seccano e si restringono dalle unghie e dalle radici dei capelli. Puoi Approfondire Leggendo Qui
  12. Dopo la morte, tutti i muscoli del corpo si rilassano. Ciò porta a pupille dilatate, occhi leggermente aperti e mascella allentata (è necessaria l’attività muscolare per chiudere le palpebre e la bocca).
  13. Gli scienziati della Southampton University hanno trovato prove che la consapevolezza può continuare per almeno alcuni minuti dopo la morte clinica. Puoi Approfondire Leggendo Qui
  14. Il livor mortis (dal latino livor, “colore bluastro”, + mortis “della morte”) si verifica quando i globuli rossi pesanti si accumulano nelle parti inferiori del corpo, causando macchie viola. Puoi Approfondire Leggendo Qui
  15. Una volta che il cuore smette di battere, il corpo sperimenta l’algor mortis, o “il brivido della morte”. Quando il sangue si raffredda, diventa più acido man mano che si accumula l’anidride carbonica. Questo processo fa sì che le cellule si dividano, il che libera gli enzimi che finiranno per mangiare i tessuti del corpo.
  16. Ci sono oltre 200 corpi sull’Everest. I loro corpi sono così ben conservati che vengono usati come segnavia.
  17. Il Rigor mortis arriva in circa 3-4 ore dopo la morte e raggiunge il picco a 12 ore. Il corpo ricomincia a essere flessibile dopo 1-5 giorni dopo la morte.
  18. Dai 3 ai 5 giorni dopo la morte, il decadimento inizia a creare grandi vesciche sul corpo umano. Dopo questa data, un corpo non sarà presentabile per un funerale. Inoltre, durante questa fase, della schiuma sanguinolenta inizia a fuoriuscire dal naso e dalla bocca.
  19. Due molecole sono state associate all’odore associato agli animali in decomposizione: cadaverina e putrescina. Puoi Approfondire Leggendo Qui
  20. Gli scienziati chiamano necrofagi gli insetti che si nutrono di carne in decomposizione. Le mosche sono solitamente i primi insetti ad arrivare ad un cadavere, principalmente per deporre le uova in luoghi umidi, come la bocca, il naso , gli occhi, l’ano, le ferite o il tratto riproduttivo femminile.

Che ne pensi?

-1 Points
Upvote Downvote

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
Superare il dolore per un lutto

Superare il dolore per un lutto

il paradiso islamico

Il Paradiso islamico descritto nel Corano