in

Assistere chi sta morendo

Assistere chi sta morendo

Potrebbe capitarci di dover assistere chi sta morendo. Da inesperti, le domande che ci saltano alla mente saranno davvero tante e potrebbero provocarci anche una certa ansia. Come ci si prende cura del corpo di chi sta morendo? E della sua mente? E della sua anima?

Assistere chi sta morendo porterà a farci tante domande. Vorremmo sapere se la persona amata sta soffrendo in modo da poter somministrare loro i farmaci antidolorifici giusti. Ci chiediamo cosa possiamo fare per confortare il morente e metterlo il più possibile a suo agio. Sentiamo il bisogno di poter riconoscere i segnali che una persona sta morendo.

Gestione Del Dolore

  1. Gestione del dolore: Sembrerà scontato ma è importantissimo. Per gestire al meglio il dolore dell’ammalato è necessario rivolgersi a medici e infermieri al fine di assicurarsi che la persona amata abbia tutti gli antidolorifici e gli altri medicinali di cui ha bisogno per sentirsi a proprio agio.

    Quali sono alcuni dei segni che indicano che la persona malata è a disagio o soffre?
    • La persona morente continua a muoversi nel letto cercando la posizione corretta.
    • Il malato fa frequenti smorfie di dolore.
    • Gli arti del morente si contraggono in spasmi muscolari.

Attenzione alla febbre! Quando qualcuno sta morendo, il suo corpo potrebbe raggiungere temperature elevate e con la febbre alta possono presentarsi convulsioni. In questi casi, il paziente potrebbe aver bisogno di farmaci per rilassare i muscoli.

Altro fattore da tenere in considerazione è quello della disidratazione . I muscoli spesso si contraggono durante il processo di morte per la mancanza di ossigeno che va al tessuto muscolare o per disidratazione.

Durante il processo di morte possono quindi verificarsi spasmi muscolari molto dolorosi. In questi casi, i medici possono prescrivere antidolorifici, come la morfina, da somministrare a un paziente insieme a un farmaco miorilassante. Se stai assistendo un paziente, potresti notare segni di sofferenza prima che lo facciano i medici, annota le tue impressioni e poi falle presenti al medico e al personale infermieristico.

Comfort Fisico

  1. Comfort fisico: La bocca del paziente. Quando una persona è nelle fasi finali del processo di morte, di solito respira attraverso la bocca. La bocca quindi tende ad asciugarsi rapidamente e questo può provocare disagio. È utile tamponare regolarmente la bocca e le gengive con un tampone di glicerina per mantenere la bocca umida. Si può anche applicare un balsamo per le labbra non a base di cera in modo che queste non si secchino. È consigliato di tenere una buona scorta di tamponi di glicerina con una tazza d’acqua per bagnarli prima dell’uso e un buon balsamo per le labbra e utilizzarli almeno una o due volte ogni ora. I tamponi sono monouso, quindi gettarlo via e iniziarne uno nuovo immergendolo in acqua per l’uso successivo.

Pulizia del corpo

  1. Pulisci il corpo del malato. Lava delicatamente il viso, il collo, le braccia, le mani, i piedi e le gambe della persona morente con un panno umido tiepido se ha la febbre, o un panno umido caldo se ha freddo. Dopo il lavaggio, applicare una crema idratante leggera su viso, mani, braccia, gambe e piedi. Questo mantiene la pelle pulita e morbida e darà loro il conforto di sentirsi fisicamente accuditi durante il processo della loro morte.

Scegli un ambiente tranquillo

  1. Ambiente tranquillo: La stanza dove il morente riposa deve essere silenziosa. Se puoi, abbassa l’illuminazione e chiedi alle persone di parlare a bassa voce e di evitare rumori forti. È non parlare a sproposito nella stanza. Si dovrebbe anche limitare il numero di persone tutte insieme nella stanza del malato.

Solitudine

  1. Fai una pausa: lascia che la persona che sta morendo possa trascorrere un po’ di tempo da sola. Anche se ci sembrerà difficile dobbiamo lasciare che chi sta morendo possa riflettere in pace e senza distrazioni. Per favore, prenditi una breve pausa dalla veglia su quel letto di morte. Per sostenere chi sta morendo, bisogna essere riposati e sereni. Potresti fare una passeggiata all’aperto per prendere una boccata d’aria fresca, fare una doccia per svegliarti, cambiarti i vestiti, parlare con un amico, mangiare un pasto sano, fare una breve corsa o allenarti, oppure meditare o pregare.

Una boccata d’aria

  1. Aria fresca: Alcune tradizioni vogliono che una finestra sia aperta vicino a chi sta morendo. Sarebbe necessaria almeno una piccola apertura per consentire l’ingresso di un po’ d’aria fresca. Fiori eccessivamente profumati non sono utili in una stanza dove è c’è un morente poiché il profumo può diventare opprimente. È preferibile eliminarli completamente dalla zona del letto se non addirittura dalla stanza. Una buona idea è quella di posizionare un piccolo ventilatore per far muovere l’aria.

Religioni e credenze

  1. Osservare i valori religiosi o spirituali del morente. I riti religiosi o spirituali sono importanti per molte persone come parte del loro processo di morte. Rituali quali l’Unzione degli infermi, l’estrema unzione, o delle semplici preghiere con i loro ministri possono essere molto utili per risolvere eventuali conflitti spirituali. Qualunque sia la religione o la credenza dell’individuo che sta morendo deve essere rispettato. Se ti capita di assistere chi sta morendo, cerca di informarti sulle sue credenze e sulla sua religione.

Tornare a casa

  1. I morenti dicono di voler andare a casa. Lo dicono anche se sono già a casa loro. C’è chi crede che il senso di questa richiesta è quella di lasciare il loro corpo fisico, per smettere di soffrire e quindi tornare in qualunque regno o dimensione pensano di appartenere.

    La persona potrebbe anche cercare di alzarsi dal letto, dicendo che deve andare via o andare a casa. Questo può rivelarsi essere pericoloso poiché di solito chi è sul letto di morte non riesce a stare in piedi da solo. Anziché dire “no, non puoi alzarti”, puoi mettere la mano a circa 10-15 centimetri sopra la spalla della persona in modo che incontri la tua mano mentre cerca di alzarsi. Questo di solito impedisce loro di spingersi oltre con il loro tentativo di alzarsi. Se cominciano ad agitarsi e spingono molto per alzarsi, puoi pensare anche di somministrare dei calmanti in modo che non si facciano male. Prima di arrivare a questo, chiedi consiglio al medico.

Mantieni un dialogo

  1. Parla con loro. Continua a parlare con la persona che sta morendo, anche se è in coma e pensi che non può ascoltare. C’è una forte convinzione che invece possano ancora sentire e siano consapevoli di tutto ciò che sta accadendo intorno a loro. Parla dal cuore, da un luogo di compassione o perdono. Non parlare mai con rabbia: non è utile a te ne a loro riaprire ferite o parlare di torti passati in passato.

Comunicazioni Dopo Morte

  1. E’ possibile che i morenti vedano persone morte. Le persone che stanno morendo spesso dicono di vedere una persona cara che è morta. Potrebbero dire di vedere amici o parenti morti da tempo in piedi o seduti nella loro stanza o accanto al loro letto, o dirti che hanno avuto una lunga chiacchierata con un amico o un parente defunto da tempo. Assistere chi sta morendo vuol dire anche sentire molto spesso questo tipo di affermazione. In questo caso sii accondiscendente. Non dire che in realtà nella stanza non c’era nessuno. Qualunque cosa stiano vedendo, che si tratti di un coniuge morto, fratelli defunti o amici morti, dovresti invece rassicurarli che quei cari sono lì per loro, per aiutarli ad andare avanti. Quelle visioni, infatti, potrebbero essere di grandissimo conforto per loro e forse in un certo senso, anche per te.

Un Po’ di Musica

  1. Ascoltare musica mentre accanto al letto di un morente non è sbagliato. Fallo in silenzio senza che nessuno parli sopra la musica e riproducila solo a intermittenza. Non mettere gli altoparlanti proprio accanto alle orecchie della persona che sta morendo. Il morente ha bisogno di uno spazio tranquillo e non una festa con musica a tutto volume con persone che parlano sopra la musica… a meno che non chieda egli stesso qualcosa del genere!

In Videochiamata

12. I servizi di videochiamata, come Skype o i suoi equivalenti, come Google Chat o FaceTime, offrono uno strumento straordinario da utilizzare se i parenti stretti o gli amici non possono arrivare al letto di morte di qualcuno che amano. La tecnologia può riunire tutti per assistere chi sta morendo, così da non rimanere esclusi dall’esperienza della morte di una persona cara.

Dopo La Morte

Una volta che la persona amata è morta, prenditi del tempo per rimanere con lui o lei per riflettere.

Alcune persone si sentono a proprio agio nel lavare il corpo in preparazione della sepoltura, altre no. Non c’è una decisione giusta o sbagliata. Se vuoi lavare il corpo, fallo, lentamente e con cura, con l’assistenza delle infermiere se sono a tua disposizione. Se non vuoi farlo, chiedi all’infermiera o all’impresa di pompe funebri di farlo al posto tuo.

Scegli i vestiti per la sepoltura o la cremazione della persona amata. Puoi vestire tu stesso il corpo o ancora una volta lasciare che ci pensino quelli delle pompe funebri.

Dopo la morte: sentirsi sollevati/felici/tristi allo stesso tempo

È davvero dura assistere chi sta morendo e quando tutto è finito, potresti provare un certo sollievo dal fatto che la sofferenza della persona amata sia finita. Questo non è sbagliato. Per quanto li ami e ti mancheranno, potresti sentirti sollevato dal fatto che non stiano più soffrendo. Il sollievo è una reazione perfettamente normale alla morte di una persona cara che ha sofferto molto.

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
De Profundis

De Profundis

Sognare la morte di qualcuno