in

Bere tanta acqua può uccidere

In una cultura ossessionata dall’idratazione, le persone possono addirittura bere fino alla morte!

bere tanta acqua intossicazione da acqua

Si. Bere tanta acqua può uccidere. O per meglio dire: berne troppa può uccidere! Stiamo parlando di una vera e propria intossicazione da acqua.

L’acqua allo stato liquido è la condizione ideale per lo sviluppo della vita. L’acqua è presente in circa il 66% del corpo umano e costantemente fuoriesce dal corpo attraverso il sudore, la minzione, la defecazione o il respiro, per citare le maggiori vie. La sostituzione di questi liquidi perduti è essenziale, ma in alcuni casi, la reidratazione può essere molto, molto esagerata. Esiste infatti una cosa chiamata overdose fatale d’acqua.

Una donna californiana di 28 anni è morta dopo aver partecipato a una gara indetta da una stazione radiofonica nella quale i partecipanti si sfidavano a chi bevesse più acqua. Dopo aver bevuto circa sei litri d’acqua in tre ore nel concorso “Hold Your Wee for a Wii” (Trattieni la pipì per vincere una console di gioco Nintendo), Jennifer Strange vomitato ed è tornata a casa con un mal di testa lancinante. Poco più tardi è morta per una cosiddetta intossicazione da acqua.

Ci sono molti altri tragici esempi di morte intossicazione da acqua. Nel 2005 un atto di nonnismo in una confraternita presso la California State University, ha ucciso un ragazzo di 21 anni morto dopo essere stato costretto a bere quantità eccessive di acqua tra una serie e l’altra di flessioni in uno scantinato freddo. Ci sono casi di persone morte dopo aver consumato abbondanti quantità di acqua cercando di reidratarsi dopo lunghe notti di ballo e … sudorazione copiosa. Esagerare nei tentativi di reidratarsi è comune anche tra gli atleti. Uno studio del 2005 apparso sul New England Journal of Medicine ha rilevato che quasi un sesto dei maratoneti sviluppa un certo grado di iponatriemia, (diluizione del sangue) causata dal bere troppa acqua.

L’Iponatremia

Iponatremia, è una parola che ha radici latine e greche, e si può tradurre come “insufficiente sale nel sangue”. Casi gravi di iponatriemia possono portare a intossicazione da acqua, una malattia i cui sintomi includono mal di testa, affaticamento, nausea, vomito, minzione frequente e disorientamento mentale.

Negli esseri umani i reni controllano la quantità di acqua, sali e altri soluti che lasciano il corpo setacciando il sangue attraverso i loro milioni di tubuli contorti. Quando una persona beve troppa acqua in un breve periodo di tempo, i reni non riescono a scaricarla abbastanza velocemente e il sangue si riempie d’acqua. L’acqua in eccesso lascia il sangue e alla fine entra nelle cellule, che si gonfiano come palloncini per accoglierlo.

La maggior parte delle cellule ha spazio per gonfiarsi perché sono incorporate in tessuti flessibili come grasso e muscoli, ma questo non è il caso dei neuroni. Le cellule cerebrali sono strettamente imballate all’interno di una rigida gabbia ossea, il cranio, e devono condividere questo spazio con il sangue e il liquido cerebrospinale. Insomma, all’interno del cranio c’è quasi zero spazio per le cellule per espandersi e gonfiarsi. Pertanto, l’edema cerebrale (il gonfiore) può essere disastroso. L’iponatriemia rapida e grave provoca l’ingresso di acqua nelle cellule cerebrali portando a gonfiore del cervello, che si manifesta con convulsioni, coma, arresto respiratorio, ernia del tronco cerebrale fino ad arrivare alla morte.

L’ormone antidiuretico

La maggior parte dei casi di intossicazione da acqua non deriva semplicemente dal bere troppa acqua. Di solito, l’intossicazione da acqua è una combinazione di eccessiva assunzione di liquidi e aumento della secrezione di vasopressione (chiamato anche ormone antidiuretico). Prodotta dall’ipotalamo e secreta nel flusso sanguigno dalla ghiandola pituitaria posteriore, la vasopressina fa in modo che i reni a conservino l’acqua. La sua secrezione aumenta nei periodi di stress fisico, ad esempio durante una maratona, e può far sì che il corpo conservi l’acqua anche se una persona ne beve in quantità eccessive.

Durante l’esercizio, “dovresti bilanciare ciò che stai bevendo con ciò che stai sudando” e questo include le bevande sportive, che possono anche causare iponatriemia se consumate in eccesso, consiglia Verbalis. “Se stai sudando 500 millilitri all’ora, è quello che dovresti bere”.

Ma misurare la produzione di sudore non è facile. Come può un maratoneta, o qualsiasi altra persona, determinare quanta acqua consumare? Finché sei in buona salute e dotato di un barometro della sete non alterato dalla vecchiaia o da droghe che alterano la mente, segui il consiglio di Verbalis, “bevi fino alla tua sete. È il miglior indicatore”.

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
Morire Miti

Morire: Cinque Miti da Sfatare

superstizioni legate alla morte

Superstizioni legate alla morte