in

Coimetrofobia: La paura dei cimiteri

Coimetrofobia: Bisogna temere i vivi, non i morti

la placofobia
Cimitero Canadese di Ortona

La coimetrofobia è la paura irrazionale dei cimiteri. Quelli che soffrono di questa fobia troveranno estremamente difficile anche solo pensare ai cimiteri, figuriamoci ad essere effettivamente vicino o peggio dentro ad uno. Il disagio che prova un coimetofobo quando si trova nelle vicinanze di un cimitero potrebbe portarli ad evitare addirittura percorsi e strade che passino vicino ad un cimitero.

Per le persone che soffrono di coimetrofobia, è semplice alla fine sviluppare altre paure quali la Phasmofobia (paura dei fantasmi), Acluofobia (paura dell’oscurità) o altre fobie. Tuttavia, molto dipenderà probabilmente da fattori diversi, come la loro predisposizione genetica e il loro ambiente circostante.

Perché avere paura dei cimiteri?

La coimetrofobia potrebbe essere il risultato di una paura irrazionale degli zombi (Kinemortofobia) o potrebbe semplicemente essere a causa della difficoltà ad accettare che un giorno si debba inevitabilmente morire. Una tale consapevolezza può essere molto difficile da affrontare per alcune persone che finiscono per farsi spaventate da tutto ciò che è associato alla morte, come il caso della paura dei cimiteri.

In alcuni casi di coimetrofobia può essere così prepotente da provocare attacchi di panico piena regola con tutte le classiche conseguenze:  aumento della frequenza cardiaca e respiratoria, un’eccessiva sudorazione, tensione muscolare, eccetera. Talvolta potrebbe persino essere necessario il ricovero ospedaliero.

Sintomi della coimetrofobia

Come nel caso di quasi tutte le fobie, l’ansia sarà uno dei principali sintomi sperimentati con coimetrofobia. A seconda della gravità della loro paura dei cimiteri, qualcuno affetto da coimetrofobia potrebbe addirittura modificare il proprio itinerario di viaggio o il propri impegni nel tentativo di evitare di vedere o soltanto pensare ad un cimiteri. Ad esempio, possono rifiutarsi passare su strade dove è possibile vedere un cimitero, possono rifiutarsi di guardare film che mostrano cimiteri, evitare case decorate a tema Halloween o qualsiasi altra cosa che possa ricordare loro anche lontanamente un cimitero.

Di seguito, alcuni dei sintomi più comuni della coimetrofobia:

  • Ansia al solo pensiero di cimiteri
  • Ansia quando si è in presenza di un cimitero
  • Tendenza ad evitare i cimiteri
  • Incapacità di gestire l’ansia
  • Tensione muscolare, tremore e sudorazione
  • Attacchi di panico

Cause di coimetrofobia

Non sono precisamente note le cause della coimetrofobia. Tuttavia, la genetica e l’ambiente circostante possono svolgere ruoli molto significativi. Ad esempio, qualcuno che ha una storia familiare di disturbi mentali, in particolare di disturbi d’ansia o fobie specifiche, può avere una maggiore possibilità di sviluppare la coimetrofobia rispetto a qualcuno che non ha una tale storia familiare. Se dovesse essere presente una tale predisposizione genetica, allora potrebbe essere necessario solo che si presenti una sorta di evento traumatico per fare emergere la coimetrofobia.

Come fronteggiare la coimetrofobia

Sebbene non ci siano trattamenti specifici per la coimetrofobia, ci sono diverse soluzioni che possono essere molto utili per aiutare qualcuno a ridurre i sintomi di questa condizione. Uno di questi metodi è la Terapia dell’esposizione. Questo trattamento è molto comune tra coloro che soffrono di fobie e altri disturbi d’ansia. Proprio come suggerisce il nome, la terapia dell’esposizione funziona facendo sì che il paziente venga gradualmente esposto alla sua paura in un dato periodo di tempo. Obiettivo della terapia dell’esposizione è desensibilizzare con il tempo il paziente alle sue paure. Teoricamente, più qualcuno è esposto a qualcosa di cui ha paura, meno ne sarà infastidito con il passare del tempo.

Oltre alla terapia dell’esposizione, anche la terapia cognitivo comportamentale può essere vantaggiosa per chi soffre di coimetrofobia. La terapia cognitivo comportamentale funziona facendo in modo che il paziente impari nuovi punti di vista di ciò che lo affligge, che in questo caso saranno i cimiteri.

Farmaci per la coimetrofobia

Gli ansiolitici sono molto utili per aiutare a prevenire gli attacchi di panico. Tali farmaci ad esempio Xanax, Valium e Klonopin, tra molti altri.

Questi tipi di farmaci vengono generalmente assunti al bisogno, e quando coimetrofobia è abbastanza grave.

Gli antidepressivi non sono solo per le persone che soffrono di depressione ma possono essere d’aiuto anche alle persone che soffrono di disturbi d’ansia come la coimetrofobia. Alcuni antidepressivi comuni sono Paxil, Zoloft e Lexapro, ad esempio. 

Questi tipi di farmaci vengono generalmente assunti quotidianamente e possono effettivamente aiutare a prevenire il verificarsi di attacchi di panico, ma sono per lo più utilizzati per aiutare a ridurre l’ansia quotidiana delle persone. 

L’esercizio ha dimostrato di essere estremamente utile per le persone che soffrono di disturbi d’ansia, inclusa la coimetrofobia. In particolare, l’esercizio cardiovascolare può aiutare in modo significativo ad alleviare lo stress. Questo non vuol dire che l’allenamento di resistenza al peso non gioverebbe a chi soffre di ansia, ma piuttosto che l’esercizio aerobico ha dimostrato di essere più efficace nel rilasciare quelle sostanze chimiche del benessere nel cervello, come le endorfine.

Esercizio fisico

L’esercizio fisico può aiutare a la mente ad affrontare meglio le situazioni stressanti. Un corpo allenato può riuscire ad affrontare meglio le situazioni di stress provoca

Limitare la caffeina

Non è un segreto che consumare grandi quantità di caffeina durante il giorno può renderti più ansioso. Consumando elevate quantità di caffeina, il nostro corpo inizierà ad entrare in uno stato mentale di “lotta o fuga”. Un tale stato d’animo è spesso un precursore per qualcuno soggetto ad attacchi di panico.

Limitare la caffeina durante il giorno può essere in grado di aiutare a ridurre in modo significativo l’ansia quotidiana. Consumare meno caffeina, probabilmente non eliminerà tutta l’ansia, ti aiuterà a ridurre sofferenze inutili che altrimenti avresti sperimentato se avessi consumato una grande quantità di caffeina.

Bevande come caffè e tè sono spesso ricche di caffeina, così come alcune bevande energetiche. Anche alcuni cibi contengono caffeina, come il cioccolato fondente.

Se Non Sei già dei nostri allora ...

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0

Autofobia: La paura di stare da soli

La Placofobia è la paura delle lapidi