Informazioni

Consigli per le condoglianze

Consigli per le condoglianze

Non esiste un modo giusto su come fare le condoglianze per esprimere la propria solidarietà, il proprio sostegno. Ci sono però molte cose da evitare di dire e quindi ecco alcuni consigli su come fare e condoglianze che vi saranno veramente utili per dire ciò che intendete veramente.

Consiglio n.1: Porgere subito le condoglianze

Non c’è motivo di aspettare il funerale. Data la facilità con cui è possibile prendere il telefono e inviare un messaggio, un commento, un post, un’e-mail o una chiamata, è consigliabile farlo subito.

Inviate un messaggio di condoglianze più personale utilizzando un messaggio privato, un SMS o una piattaforma di messaggistica sui social media. Se la persona ha annunciato la morte in un post, dovreste certamente commentare. Ma per esprimere le vostre condoglianze in modo più significativo e personale, contattatela direttamente.

Non sottovalutate il valore di un biglietto fisico. Sì, fate le vostre condoglianze digitali, come ci si aspetta di questi tempi, ma non sarebbe affatto male inviare un biglietto o una lettera. Potete scrivere con il computer e poi stampare il biglietto o la lettera ma firmate e scrivete a mano una piccola nota di affette e sostegno. Poi spedite il biglietto o la lettera per posta ordinaria.

La persona amata in lutto sarà sommersa da sms e altri messaggi digitali. Ma se volete esprimere le vostre condoglianze nel modo migliore, non potete sbagliare con un messaggio inviato per posta.

Consiglio n.2: Usare il nome del defunto

Sebbene sia naturale evitare di menzionare la persona deceduta, parlare di lei e usare il suo nome è in realtà un modo per consolare la persona in lutto nel suo momento di dolore.

Questa persona ha appena perso una persona molto importante. Una parte importante della sua vita se n’è andata. Non sarebbe strano se nessuno ne parlasse? Sarebbe come cancellare l’esistenza di quella persona proprio nel momento in cui la persona in lutto è sopraffatta dalla sua mancanza.

Naturalmente evitate di essere morbosi. Non dovete entrare nei dettagli della morte o chiedere informazioni su come è morta la persona.

Consiglio n.3: Riconoscere il loro dolore e la loro perdita

Come indicato nel suggerimento n. 2, è importante essere consapevoli del turbinio di emozioni che quelle persone stanno provando per la perdita. Un modo per farlo è quello di menzionare la persona che è morta e di farle sapere che questa morte colpisce anche voi.

Ci sono modi utili e confortanti per mostrare solidarietà con le parole. Ad esempio: “Nessuno può provare quello che stai provando tu in questo momento, ma sappi che altri ci sono passati. Ci sono passata anch’io; fa male. Sappiate che soffrire è normale”

Tenete presente che, pur non avendo bisogno del vostro permesso per elaborare il lutto, è utile sapere che non sono soli, che è giusto piangere, che il dolore è reale e che la perdita è profonda. Se non vi sentite del tutto a vostro agio nell’esplorare queste idee, va bene lo stesso: potete semplicemente far sapere loro che anche voi soffrite la perdita.

Consiglio n.4: Essere brevi e diretti

Non è necessario scrivere un’intera e lunga lettera (A meno che non lo vogliate, ovviamente). Non fatela sembrare comunque un lavoro troppo impegnativo. Mantenete la brevità e siate diretti al punto. Ricordate che la semplicità è sempre un bene.

Procuratevi un biglietto. Utilizzate una delle frasi , adattatela se necessario, scrivetela sul biglietto e poi firmatelo. Ecco fatto.

Potete sempre andare oltre, scrivendo di più, includendo citazioni e versi, inviando un regalo o dei fiori. Sono cose fantastiche, ma non necessarie. Quindi, non lasciate che questo sembri un progetto enorme. Fatelo e basta.

Consiglio n.5: Non dire nulla che inizi con “almeno…”.

Pensateci…. “Almeno non ha sofferto”. Sì, ma non c’è più.

“Almeno puoi avere un altro figlio”. Sul serio? Questo bambino era amato, anche se è vissuto poco tempo. Altri bambini, vivi o futuri, non hanno nulla a che fare con la perdita di questo bellissimo piccolo.

“Almeno è in un posto migliore”.

“Almeno sei ancora giovane e puoi risposarti”.

Evitate qualsiasi cosa che possa lontanamente assomigliare a queste parole. Sì, state cercando di dare conforto guardando il lato positivo. Ma la morte non è il momento di guardare o cercare il lato positivo. Se vi trovate nella situazione di fare le condoglianze, dunque, non è il momento di guardare il lato positivo.

Tenendo presente questo, cercate anche di evitare domande su come sta la persona. Come se la cava? Hai tutto quello che ti serve? C’è qualcosa che posso fare? Beh…. non se la passano bene (qualunque sia l’aspetto), hanno bisogno di riavere la persona amata e l’unica cosa che vogliono che facciate è riportare la persona amata o andarvene e smettere di disturbarli.

Ora, la maggior parte delle persone, anche nel pieno del dolore, sono ancora gentili e non vi diranno nulla di tutto ciò. E ci sono momenti in cui bisogna chiedere come si può aiutare. Ma siate premurosi e attenti.

Cosa inviare a un amico o a una persona cara in lutto?

Ecco alcuni consigli extra su come fare le condoglianze. Molte persone scelgono di inviare un biglietto o un regalo. Ecco alcune idee significative.

Consigli per le condoglianze: Un biglietto di condoglianze

Un biglietto di cordoglio è un modo semplice e facile per inviare le proprie condoglianze. Basta acquistarne uno in una cartoleria, (spesso anche le libreire ne hanno) scrivere un breve messaggio di cordoglio all’interno, firmarlo e spedirlo.

Consigli per le condoglianze: Inviare un regalo di cordoglio

A volte un biglietto non sembra sufficiente. In questo caso, prendete in considerazione l’idea di fare un piccolo regalo.

I fiori rappresentano un modo classico e intramontabile per esprimere il proprio cordoglio. Anche spesso leggiamo “non fiori ma opere di bene”, c’è ancora qualcuno che apprezza la sensazione di una casa che si riempie di mazzi di fiori inviati da amici e familiari che offrono le loro condoglianze e il loro amore verso chi non c’è più.

Non fiori ma opere di bene

In questi casi, considerate un gesto che vada oltre un semplice biglietto, un regalo o, come invitato, un mazzo di fiori. Fate una donazione a nome del defunto per una causa che era importante per lui. Create un fondo per una borsa di studio in memoria o dedicate una targa in un parco o in una strada che era solito frequentare, ad esempio.

Lascia un Commento