in

Cosa succede ad un cadavere nell’acqua

Un corpo sott’acqua come si decompone?

Cosa succede ad un cadavere nell'acqua

Cosa succede a un cadavere nell’acqua? Pochi istanti dopo la morte, la decomposizione del corpo inizia quando gli enzimi batterici cominciano a scomporre i tessuti molli del corpo e si diffondono attraverso i vasi sanguigni per dare il via al processo di decomposizione.

Un cadavere nell’acqua

Tuttavia, l’immersione in acqua rallenta questo processo e, soprattutto, impedisce al tuo corpo di diventare un buffet per animali, mosche e altri raccapriccianti insetti come succede sulla terraferma. Non sappiamo molto sulla decomposizione di un corpo sott’acqua, motivo per cui gli scienziati hanno recentemente condotto studi ed esperimenti sui resti di vittime di tragedie aeree e sulle carcasse di maiale immerse nelle acque canadesi.

Quando si annega, i polmoni si riempiono d’acqua e le sacche d’aria all’interno dei polmoni si comportano come una spugna assorbendo acqua. Questo processo fa sì che il tuo corpo diventi più denso dell’acqua nella quale è immerso, finendo per affondare.

Utilizzando queste informazioni, i patologi possono determinare se una persona è annegata o se era deceduta prima di finire in acqua. Per un breve periodo, le vittime hanno la tendenza a galleggiare poiché i loro polmoni sono ancora pieni di aria anziché di acqua.

In linea di massima, un cadavere nell’acqua generalmente si decompone più lentamente che all’aria aperta, ma ci sono altri fattori di cui tenere conto. La decomposizione sarà più rapida in acqua calda, tiepida o stagnante (un terreno fertile perfetto per i batteri) che in acqua fredda, salata o corrente. Un corpo lasciato a decomporsi all’aria aperta per una settimana avrà un aspetto simile a un corpo che è stato sott’acqua per due settimane.

Un bagno davvero troppo lungo

Hai presente come diventano le tue mani dopo aver fatto un lungo bagno? Ora immagina anziché di fare rilassante bagno tra le bolle di sapone, di essere un cadavere gonfio lasciato per mesi nell’oceano. In questo caso sulla tua epidermide diventerà di colore nero-verdastra e si formeranno vesciche. La pelle delle mani e dei piedi si gonfierà diventando rugosa.

Nel frattempo, i batteri presenti nell’intestino e nella cavità toracica si accumulano e producono metano, anidride carbonica e idrogeno solforato. Questa combinazione di gas fa gonfiare il corpo del cadavere che, se libero da impedimenti esterni, tornerà galleggiare sulla superficie dell’acqua.

Poiché i gas si concentrano nel torso e nell’addome saranno propio queste parti ad affiorare in superficie, la testa e gli arti rimangono penzoloni, motivo per cui spesso i cadaveri galleggiano a faccia in giù nell’acqua.

Formazioni di adipocere

L’adipocere, noto anche come cera cadaverica, è una sostanza grigiastra e dura che si forma durante la decomposizione, ma in particolare nei corpi immersi in acque fredde, quindi più frequente durante l’inverno. Questo processo si verifica nell’arco di alcuni mesi quando il tessuto adiposo sotto la pelle inizia a saponificarsi. Poiché le basse temperature inibiscono la produzione di batteri, questa cera può aiutare a conservare il corpo.

Maiali in mare!

Quando i ricercatori della Simon Fraser University in Canada hanno lasciato cadere tre carcasse di maiale nell’insenatura di Saanich vicino all’isola di Vancouver, hanno scoperto quasi immediatamente che i tre porcellini attiravano una grande varietà di gamberetti, granchi e crostacei che pronti a banchettare con i loro corpi. Lo stesso risultato ottiene con i cadaveri in mare.

Ma gamberetti, granchi e crostacei non sono gli unici a riempirsi la pancia. Esistono altri spazzini marini come pesci, tartarughe e gli squali si nutrono di corpi in decomposizione.

Pubbicato Originariamente il:7 Marzo, 2021 @ 12:47

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
Lo Scheletro Vivente

Lo Scheletro Vivente di TikTok

La morte di un figlio

La morte di un figlio