in

Dolore e Lutto Anticipatorio

Dolore Anticipatoio, Lutto

È difficile pensare che possa esistere davvero un lutto anticipatorio. Siamo abituati a pensare che il dolore per una morte arrivi solo quando una persona è morta. Molto spesso però questo dolore comincia ben prima che una persona effettivamente muoia. Il dolore può iniziare non appena ci rendiamo conto che la morte è una probabilità in una determinata situazione per una persona che amiamo. Quando la morte si avvicina, anche solo come possibilità, per un nostro caro, addolorarsi è normale.

Un Dolore Anticipatorio

Sebbene diverso dal dolore che segue una morte, il dolore anticipatorio può portare molti dei sintomi del dolore regolare: tristezza, rabbia, isolamento e depressione. Queste emozioni complicate sono spesso accoppiate con lo stress che deriva dall’essere un caregiver. Siamo consapevoli della morte incombente, il che può portare un’ansia e un terrore travolgenti. Inoltre, prima ancora della morte, ci addoloriamo la perdita delle capacità e dell’indipendenza della persona, la sua perdita di cognizione, una perdita di speranza, la perdita di sogni futuri, la perdita di stabilità e sicurezza. Questo dolore, quindi, non riguarda soltanto la morte futura.

Stress e Iper vigilanza

Quando sappiamo che una morte è imminente, i nostri corpi sono spesso in uno stato di iper-vigilanza. Siamo presi dal panico ogni volta che squilla il telefono. Questa situazione può diventare mentalmente e fisicamente estenuante. Lo stesso vale quando si è impotenti e non si può fare altro che rimanere a guardare una persona cara soffrire. Una lenta agonia fa quasi sempre parte di una malattia prolungata.

Prendersi cura di una persona cara sofferente ha un impatto emotivo su di noi. Queste cose (e altre) possono contribuire a dare un senso di sollievo quando alla fine arriverà la morte. Tuttavia, questo senso di sollievo avrà come conseguenza un senso di colpa per aver provato sollievo. Questi sentimenti contrastanti sono comuni e del tutto normali quando qualcuno si sperimenta una morte anticipata.

Un Po’ di Sollievo

Ci sono stati numerosi studi che dimostrano che il dolore anticipatorio può ridurre i sintomi del dolore dopo una morte ma, come sempre, con il dolore non ci sono regole precise. Ci saranno volte in cui il dolore anticipatorio può ridurre l’intensità del dolore a seguito di una perdita e ci saranno altre volte in cui il dolore che segue una morte non verrà affatto mitigato.

Ad ogni modo è importante tenere a mente è che se stai soffrendo con meno intensità o se la fase acuta del tuo dolore durerà meno rispetto ad altre perdite, a causa del dolore anticipatorio che hai sperimentato prima della morte, non devi sentirti in colpa. È del tutto normale.

Cose da ricordare quando si ha a che fare con il dolore anticipatorio

1 – Accettare il fatto che il dolore anticipato è normale. È normale provare dolore prima di una morte. Si tratta di un fenomeno comune che è stato documentato per quasi un secolo.

2 – Il tuo dolore è importante. Spesso le persone possono dire cose fastidiose come “è ancora viva”, minimizzando il sentimento che stai vivendo. Riconosci il tuo diritto a soffrire, anche se quella persona è ancora viva.

3 – Rimani in contatto con gli altri. Il dolore anticipato è comune tra i caregiver, ma sfortunatamente quando è tutto finito potresti sentirti completamente solo e isolato.

4 – Ricorda che il dolore anticipato non significa che ti stai arrendendo. Arriva un momento in cui spesso accettiamo che una malattia sia terminale e che la guarigione non sia più una possibilità. Sebbene sia una mera realtà, può esserci un senso di colpa che deriva da quell’accettazione. Concentrati su ciò che stai facendo, continuando a sostenere, prenderti cura, amare, e trascorrere tempo insieme, a chi ci sta per lasciare.

5 – Rifletti sul tempo che rimane. Pensa a come tu e la persona amata vorrete trascorrere il tempo che rimane. Anche se ciò che vogliamo potrebbe non essere sempre possibile, fai del tuo meglio per trascorrere il tempo rimanente insieme. Se la persona amata è disponibile, potresti discutere di questioni pratiche, come direttive anticipate e accordi per il funerale per assicurarti di essere in grado di onorare i suoi desideri, piuttosto che rimanere dopo con il dubbio di aver fatto tutto come gli (o le) sarebbe piaciuto.

6 – Comunica. Il dolore anticipatorio è diverso per tutti. Aspettati che anche altri all’interno della tua famiglia possano provare e affrontare il dolore anticipatorio anche se in modi diversi. Parlarne può aiutare tutti a capirsi meglio.

7 – Abbi cura di te. Ricorda il vecchio cliché: non puoi prenderti cura degli altri se non ti prendi cura di te stesso. Una consulenza psicologica è utile per elaborare emozioni complicate e avere un po’ di tempo per se stessi.

8 – Il sollievo è normale. In di malttie, possono esserci mesi, anni e persino decenni di assistenza che possono essere estenuanti. Quando qualcuno muore può esserci un senso di sollievo che è del tutto normale, ma può anche creare sensi di colpa. Ricorda che provare sollievo dopo una morte, non significa che non hai amato quella persona. Si tratta di una reazione normale dopo un periodo stressante della tua vita.

9 – Non avere aspettative. Solo perché la tua perdita era prevedibile, non dare per scontato che questo accelererà o rallenterà il tuo dolore dopo la morte.

Se Non Sei già dei nostri allora ...

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Loading…

0
Affrontare la morte del proprio gatto

Affrontare la morte del proprio gatto

Il Dolore Ambiguo

Il Dolore Ambiguo: In Lutto per Qualcuno Che Non è Ancora Morto