Esperienze

Esperienza di Pre-Morte di Mark

Esperienza di Pre-Morte

In una fredda sera di dicembre del 1985, un giovane uomo ha affrontato un viaggio inaspettato che avrebbe cambiato la sua visione del mondo. Durante un grave attacco d’asma, si trovò catapultato in una dimensione dove il tempo e lo spazio sembravano perdere ogni significato. Quello che stava per vivere non era solo una lotta per la sopravvivenza, ma un’autentica esperienza di pre-morte, un fenomeno che continua a sfidare la nostra comprensione della vita e dell’esistenza stessa.

Una fredda notte di dicembre ebbi la mia esperienza di pre-morte

Quando avevo diciannove anni, nel 1985, ho avuto un’esperienza, di pre-morte, che non dimenticherò mai. Soffrivo da sempre di una grave asma e, una sera prima di Natale, mentre ero a casa, ho sentito il petto stringersi improvvisamente. Il disagio era tale che sembrava ci fosse un peso, come una pietra, sul mio torace. Nonostante cercassi di respirare il più a lungo possibile, il dolore divenne insopportabile. Così, in piena consapevolezza, decisi di arrendermi.

Non appena smisi di respirare, il dolore cessò immediatamente.

La mia coscienza si sollevò nella mia testa, e pensai: “Ecco, è finita”. La calma che provavo era sorprendente.

Poi notai delle piccole scintille rosse davanti ai miei occhi. La mente sembrò lampeggiare come uno schermo di televisione vecchio, alternando il nero al bianco. Questo non influenzava per nulla i miei processi di pensiero, che erano chiarissimi, forse anche più di prima. Ma sapevo che a un certo punto avrei smesso di pensare e sarei semplicemente morto.

Invece, ciò che accadde fu completamente diverso.

Improvvisamente, come un pupazzo a molla, saltai fuori dalla mia testa. Vidi il mio corpo disteso a terra, senza capire come fosse finito lì, dato che ero stato seduto al tavolo della cucina fino a poco prima. Il corpo mi appariva repellente.

Mi spostai verso l’alto e mi trovai in uno spazio nero che sembrava di velluto, caldo e accogliente. Sentivo di avere la stessa forma di prima e mi sentivo veramente bene. Avendo sempre avuto problemi di salute, era bello sentirmi completamente libero da malattie e limitazioni fisiche. Tuttavia, l’idea di trascorrere l’eternità da solo in uno spazio nero mi turbava un po’.

Ma un punto luminoso in lontananza iniziò a brillare di più e fui attratto verso di esso

La luce divenne sempre più grande e più brillante. L’esperienza del tunnel grigio che si espande, di cui avrete letto, la descrive accuratamente. La luce intensa si percepiva come una presenza cosciente, non solo luce, ma un essere vivente e divino.

Nel frattempo, mi resi conto di essere morto. Non solo di essere morto, ma di essere morto DI NUOVO. Mi resi conto che questa era un’esperienza che avevo già vissuto, e mi deluse il fatto di non averla completamente rimossa. Conoscevo bene questa esperienza e sapevo di essere ‘morto’ molte altre volte prima. Ero anche deluso da me stesso che, essendo giovane, non avevo ancora fatto nulla di significativo con la mia vita. Ora era finita. Sentivo di aver sprecato un’opportunità.

Due spiriti cercarono di salutarmi.

Tutta la comunicazione con questi spiriti era telepatica. Ricordo di aver chiesto loro se uno dei miei autori preferiti, Charles Dickens, fosse veramente un grande scrittore. Risposero di sì. Poi mi allontanai da loro. Mi videro continuare salire. Immaginai che scuotessero la testa dietro di me.

In quel momento, apparve davanti a me la grande luce di un Essere magnifico.

Tutto ciò che avrete letto su un’Entità di Luce, Gioia e Amore corrisponde esattamente alla mia esperienza. A proposito, nulla in tutto ciò porta un’etichetta. Questo racconto è il mio tentativo, faticoso, di descrivere qualcosa che è molto difficile da esprimere a parole. Tutto quello che posso dire è che non pensavo che questo Essere fosse Dio o Gesù. In effetti, sembrava così incredibilmente felice di rivedermi, che da allora ho cominciato a pensare che fosse, forse, la mia stessa anima. C’era una sensazione di familiarità energetica così intensa su di essa, e questo Essere era così traboccante di gioia nel vedermi, che penso potesse essere solo un aspetto migliore di me stesso. Nessun altro si sarebbe preoccupato così tanto!

Di fronte a questo amore incondizionato, chiesi a questo Essere se avrebbe dato la stessa accoglienza a una persona malvagia come Hitler.

Questo lo divertì parecchio. Rispose: Sì, naturalmente, chiunque lo desideri. Ma sospettavo che l’implicazione fosse che una persona come Hitler non avrebbe realmente desiderato un’esperienza del genere.

Poi questo Essere mi portò dentro di sé.

La mia coscienza ordinaria, più bassa, si espanse e si fuse completamente in questo Essere. Per alcuni istanti, dimenticai la mia personalità e diventai uno con esso. Sentivo che era immortale: che non era mai nato e non poteva mai morire, e che era l’essenza del significato. L’esperienza era sorprendente – una concentrazione di amore senza limiti, meravigliosa intelligenza e profondo scopo.

Poco dopo, vidi una luce rossa in una parte dell’Essere. Finora tutto era stato gioia e risate e luce dorata. Questa luce o raggio sembrava essere collegata alla terra, quasi come un cordone ombelicale, portando una consapevolezza di sofferenza.

Fu in quel momento che mi separai dall’Essere e mi contrassi di nuovo nella mia identità più normale.

Vidi la Terra come una grande palla rotonda davanti a me, come se fossi nello spazio. Intorno al globo c’era una luce color rosa-porpora che sembrava essere l’espressione di un Essere davvero Gigante. Era come se Lui avesse le Sue braccia intorno alla Terra, avvolgendola in uno strato protettivo di amore. Immediatamente chiesi: ‘È questo Gesù?’ In quel momento, l’Essere Gigante sembrò pulsare in un punto specifico alla menzione di questo nome. Mi fu chiaro che Gesù era molto amato dall’Essere e Lo considerava un Gran Servitore molto amato.

Cominciò quindi a sorgere in me la consapevolezza che ora ero davvero morto.

Pensai alle persone a cui sarei mancato — mio fratello, mio padre e mia madre. Mio padre e mio fratello se la sarebbero cavata, pensai. Ma mi resi conto che mia madre non si sarebbe mai ripresa. Non potevo credere di avere il potere di causare così tanta sofferenza. Iniziai a pregare profondamente di poter tornare. Non avevo alcun desiderio personale di tornare. Il posto dove mi trovavo mi sembrava casa, e sembrava molto più reale e solido della mia altra vita sulla terra. Allo stesso tempo, non volevo ferire mia madre.

Immediatamente, cominciai a precipitare verso il basso. Mi svegliai. Ero tornato nel mio corpo. La mia esperienza di pre-morte era terminata.

Lascia un Commento