Esperienze

L’esperienza di pre morte di Pooja V

Esperienza di pre morte

Nel vasto universo delle esperienze umane, ci sono storie che sfidano la nostra comprensione e ampliano i confini del possibile. Una di queste è la storia di Pooja V, la cui esperienza di pre-morte rivela una dimensione nascosta dell’esistenza. Colpita da una grave malattia, la sua storia ci porta attraverso i meandri di un viaggio inaspettato e illuminante, svelando un mondo oltre il velo della realtà quotidiana.

L’Esperienza di Pre Morte di Pooja

Ero stata diagnosticata con la Sindrome di Guillain-Barré (GBS) sette giorni prima della mia esperienza di pre morte. Mi trovavo in terapia intensiva, intubata e collegata a un ventilatore. Al settimo giorno di ricovero, ricordo di aver perso conoscenza, realizzando che il mio momento di morire era arrivato. Potevo sentire il rumore del monitor mentre perdevo conoscenza.

Un esperienza di pre morte priva di peso

Sentivo di fluttuare nel vuoto, senza alcuna pressione o peso. Provo una calma e una pace che non avevo mai sperimentato prima. Non sentivo alcun attaccamento a persone o cose, eppure questo non era angosciante, solo pacifico. Mi sentivo leggera come una piuma nell’aria. Ricordo di aver vissuto questo stato per circa 30 secondi. Mentre ero incosciente, ricordo mia sorella che chiamava il mio nome, chiedendomi di tornare. Mia sorella non era fisicamente presente nel reparto di terapia intensiva in quel momento. Il personale medico presente mi disse poi che lei era lì.

La voglia di non tornare

Non volevo tornare, poiché stavo sperimentando una calma e una pace assolute. Dopo circa 30 secondi, ricordo di essere tornata nel mio corpo, circondata dai segnali acustici dei monitor e da un gruppo di dottori e paramedici che mi circondavano. Stavano cercando di riportarmi alla coscienza e emisero un sospiro di sollievo quando ripresi conoscenza. Fui poi portata d’urgenza alla macchina della TAC, ancora collegata al ventilatore per la terapia di supporto vitale, e furono effettuati test su di me. Ricordo di essere svenuta più volte durante il periodo in cui ero in terapia intensiva, ma in nessuna di quelle occasioni ho vissuto qualcosa di simile a questa NDE. Ogni volta, perdevo conoscenza e tornavo in me dopo pochi secondi.

Circa sette mesi dopo essere completamente guarita dalla GBS, sono tornata all’ospedale dove ero stata trattata. Volevo incontrare il personale medico e ringraziarli. Chiesi al capo del personale medico cosa mi avesse causato la morte apparente. Il dottore disse che non erano mai riusciti a determinare una causa esatta, ma la loro migliore ipotesi era che probabilmente un coagulo di sangue in una delle mie membra avesse viaggiato verso il cuore, interrompendo l’apporto di ossigeno al cervello e facendomi perdere conoscenza. La GBS attacca il sistema nervoso periferico del corpo e causa la paralisi assoluta di tutti i muscoli del corpo, inclusi quelli respiratori. Pertanto, la probabilità di formazione di coaguli di sangue era alta a causa della mancanza di movimento degli arti per lunghi periodi.

Una sensazione perdurante

Non ho mai parlato della mia NDE con il personale medico, preoccupata che potessero non credermi. Ho cercato su internet, ma non ho trovato spiegazioni per quello che avevo vissuto. Quando ho ripreso a lavorare, ho parlato con un socio anziano dello studio legale che aveva anche lui vissuto un evento pericoloso per la vita a causa della GBS. Anche lui aveva avuto una NDE, ma più simile a un’esperienza fuori dal corpo. Nemmeno lui riusciva a spiegare la sua esperienza.

Ho voluto condividere la mia NDE con le persone a me vicine, ma temevo che non potessero capire o che attribuissero qualche ragionamento scientifico dietro. Tuttavia, ricordo molto chiaramente la mia NDE e le sensazioni che provai in quel momento.

Lascia un Commento