in

I Luoghi Più Infestati d’Italia

La maggior parte dei racconti di case e luoghi infestati dagli spiriti arriva, manco a dirlo, dagli Stati Uniti D’America.

I Luoghi Più Infestati d'Italia

Vuoi per la sua grandezza, vuoi per Hollywood quando si sente parlare di spiriti e case infestate ci sono sempre di mezzo gli States. Qui però vi parleremo, finalmente, di alcuni dei luoghi più infestati d’Italia. Se volete incontrare un fantasma, la probabilità di incontrarlo in questi luoghi è decisamente più alta sia per la loro storia, sia per i cadaveri che vi troverete attorno.

Naturalmente si parla di leggende, quindi prendete queste storie così come sono: curiosità e motivi aggiunti per spingervi ad essere turisti.

Cappella dei Martiri (Otranto)

La cappella è stata costruita nel XI secolo dai Normanni ad Otranto, in Puglia. In questa cattedrale sono esposti i teschi di 813 martiri di cittadini decapitati durante il massacro operato in città dai turchi nel 1480. Insieme ai teschi, dietro l’altare, è esposta anche la pietra sulla quale erano state decapitate le vittime. Legata alla cattedrale c’è una leggenda secondo la quale un fantasma con la testa mozzata in sella ad un cavallo faccia la sua comparsa, soprattutto nei mesi estivi.

Ca’Dario (Venezia)

Strano a dirsi ma Venezia è considerata da molti una delle città più infestate d’Europa. E quando si parla di fantasmi a Venezia, Ca’Dario (Palazzo Dario) salta sempre fuori.

Conosciuta come “la casa del non ritorno” Ca’Dario sorge sulle rive del Canal Grande e si è conquistata questo appellativo a cause delle strane morti occorse a tutti quelli che in passato hanno posseduto questo edificio costruito nel XV secolo.

Pochi anni dopo la proprietà dell’edificio passa da Giovanni Dario a sua figlia Marietta sposata con il burbero Vincenzo Barbaro. Dopo il tracollo finanziario di Vincenzo Marietta si suicida e non passa tanto tempo che anche Vincenzo Barbaro muore. In seguito Giacomo il figlio di Giovanni Dario, viene assassinato in un agguato. Si susseguiono le morti anche tra i successivi proprietari ma i fantasmi entrano in scena in epoca più recente.

Il conte torinese Filippo Giordano delle Lanze, collezionista d’arte e di antiquariato e nuovo proprietario di Ca’Dario, negli anni 60 del ‘900 viene ucciso a Ca’ Dario dal suo giovane amante Raul Blasich. Raul poi scappa a Londra e muore a sua volta assassinato da uno sconosciuto. Lo storico manager degli Who Christopher Kit Lambert, era così innamorato di Palazzo Dario da averlo acquistato. Christopher però temeva la sua maledizione tanto da non volerci dormire dentro. Si dice che abbia confidato ad alcuni gondolieri che i fantasmi del palazzo lo perseguitavano.

Christopher Kit Lambert muore di emorragia cerebrale cadendo dalle scale a casa di sua madre, poco dopo aver venduto il palazzo ad un uomo d’affari veneziano, Fabrizio Ferrari. Ferrari si trasferisce con sua sorella a Ca’ Dario ma la donna sarà vittima di uno strano incidente stradale senza testimoni. L’ultimo proprietario conosciuto di Palazzo Dario è stato l’imprenditore Raul Gardini. Poco dopo il suo coinvolgimento nell’inchiesta di Mani Pulite si suiciderà 1993. Al momento della morte si trovava nella sua casa di Milano, ma Ca’ Dario era una delle sue proprietà.

Le Catacombe dei Cappuccini (Palermo)

Probabilmente, tra i luoghi più infestati d’Italia, le catacombe di certo non mancano. A Palermo ci sono le catacombe dei Cappuccini che, almeno in origine, dovevano ospitare soltanto i monaci del convento dei Cappuccini. Con il tempo, però, venne data ad alcuni la possibilità di essere seppelliti lì ed il luogo diventò una sorta di luogo status symbol nel quale in tanti desideravano essere tumulati. Si contano oltre ottomila mummie e alcune di queste disposte lungo le pareti, in diversi stati di decomposizione. Oggi queste catacombe dei Cappuccini sono aperte al pubblico ed in molti turisti hanno affermato di aver sentito rumori come fischi e sussurri. I turisti affermano anche di aver trovato gli scheletri in posizioni ed in posti differenti dopo essere tornati indietro alla stanza precedente.

Le Mummie di Ferentillo (Umbria)

Ferentillo, un piccolo paese nel sud dell’Umbria, nasconde qualcosa di lugibre sotto la sua Chiesa di Santo Stefano. Nei sotterranei della chiesa venivano infatti tumulati corpi che venivano attaccati da un fungo in grado di trasformarli in mummie. Visitando il Museo delle Mummie di Ferentillo nel fondo della chiesa è possibile osservare che alcuni dei cadaveri hanno ancora capelli, barba e denti, e alcuni di loro indossano vestiti. Tra i cadaveri esposti ci sono una madre con il suo bambino e un avvocato assassinato e il suo assassino.

Il Museo del Purgatorio (Roma)

Vicino Castel Sant’Angelo, nel centro di roma c’è una piccola chiesa: la chiesa del Sacro Cuore. Qui è sito il Museo Delle Anime del Purgatorio dove si dice vi siano intrappolate anime in attesa di andare in paradiso o all’inferno. Queste anime cercherebbero di attirare l’attenzione dei visitatori per ottenere le loro preghiere in maniera tale da poter andare in paradiso. Nel museo sarebbero presenti degli oggetti posseduti.

È possibile osservare un libro di preghiere macchiato dall’impronta, che sembra marchiata a fuoco, di una mano su una pagina. C’è la federa di un cuscino con impressa l’anima di una suora morta di tisi nel 1894, una camicia da notte e il berretto di un vedovo marchiato dall’anima di sua moglie e la fotocopia di una banconota da dieci lire in parte bruciata. La banconota sarebbe appartenuta ad un sacerdote e la bruciatura causata dal suo spirito per esortare i suoi confratelli a fargli dedicare una messa.

Il Villaggio delle Streghe di Triora (Liguria)

I Luoghi Più Infestati d'Italia

Nel 1587 si verificò una carestia lunga due anni nel villaggio di Triora, in Liguria. La gente del luogo accusò per questa sciagura un gruppo di donne che si diceva si incontrassero nottetempo in un luogo chiamato La Cabotina. Le donne furono accusate di stregoneria e nello specifico di provocare tempeste rovinose, infanticidio, di fare sesso con il diavolo, di preparare pozioni velenose, di avere l’abilità di trasformarsi in gatti per intrufolarsi nelle case altrui. Con queste accuse furono interrogate 300 donne e cinquanta di esse torturate. Durante la tortura qualcuna morì ed è proprio a queste vittime che il museo di Triora è dedicato. Qui si possono vedere le loro confessioni estorte.

Museo Medievale del Criminale e della Tortura (Toscana)

I Luoghi Più Infestati d'Italia

Tra i probabili luoghi più infestati d’Italia c’è anche la Toscana. A San Gimignano, piccolo paese medioevale, c’è il Museo Medievale del Criminale e della Tortura, dove si possono vedere gli inquietanti strumenti di tortura utilizzati durante la Santa l’Inquisizione romana. Ci sono strumenti come le Vergini di Norimberga, ghigliottine e sedie di tortura usate su quelli che erano considerati eretici. Le accuse più comuni che utilizzavano per giustificare le torture erano l’omosessualità, la promiscuità, l’ebraismo e il protestantesimo.

L’Isola di Poveglia (Venezia)

I Luoghi Più Infestati d'Italia

Ci risiamo! Dopo Ca’Dario ancora una volta Venezia. Questa volta si tratta dell”isola di Poveglia: un isola chiusa ai turisti, per questo nota come “L’isola proibita“. Leggenda vuole che una guaritrice (una presunta strega) maledisse l’isola, proclamando che non sarebbe mai più stata abitata. La gente, spaventata da questa maledizione, si rifiutava di vivere lì. Alla fine, è stata utilizzata come luogo di sepoltura di massa durante la peste nera e altre piaghe che si abbatterono sulla città lagunare.

Quando si scoprì che le navi che entravano nella Laguna portavano la peste, i passeggeri furono messi in quarantena a Poveglia.

In Seguito l’isola, è stata adibita ad ospitare malati di mente. Secondo la storia, un medico torturava e massacrava i pazienti con terapie sperimentali. Impazzito egli stesso, il medico si suicidò lanciandosi da una finestra dell’ospedale psichiatrico. Il suo corpo, però, non è mai stato ritrovato. Si ritiene che almeno 160.000 persone siano morte a Poveglia, confermando il suo status di uno dei luoghi al mondo con il più alto numero di morti per metro quadrato. Presumibilmente, l’isola è infestata dalle persone che sono morte lì, e alcuni che passano li vicino raccontano di aver sentito grida e lamenti provenire dall’isola proibita.

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

    Loading…

    0
    Vendere L'Anima al Diavolo

    Vendere l’anima al Diavolo

    La Morte arriva Per Tre

    La Morte arriva Per Tre