Paranormale

Temporali, Fantasmi e Spiriti: Esiste una Connessione Energetica?

Temporali, Fantasmi e Spiriti: Esiste una Connessione Energetica?

Se è vero, come si crede, che le attività paranormali di fantasmi e spiriti sono favorite da una maggiore energia psichica o spirituale delle persone, allora le enormi quantità di energia generate da un fulmine durante un temporale potrebbero causare un aumento dell’attività paranormale. In altre parole, i temporali favoriscono il manifestarsi di fantasmi e spiriti?

Ci sono affermazioni aneddotiche secondo cui durante i temporali vengono segnalati più incidenti paranormali. Tuttavia, è difficile confutare questa affermazione in quanto non esiste un organismo internazionale, o addirittura nazionale, che raccolga e monitori i rapporti sul paranormale. Non ci sono quindi dati ufficiali a sostegno del fatto che i temporali favoriscono il manifestarsi di fantasmi e spiriti.

Energia Residua

Gli investigatori del paranormale credono che l’energia di un essere umano vivente possa continuare ad esistere al di fuori del corpo dopo la morte e che gli spiriti attingano a qualsiasi fonte di energia per reintegrarsi. Tra questi “nutrienti” potrebbe rientrare anche l’energia elettrica, e persino batterie e l’energia scaricata durante un temporale.

Il problema è che nessuno sa esattamente di che tipo di senergia siano costituiti gli spiriti e i fantasmi. Uno strumento molto comunemente usato nel campo paranormale è un misuratore di campo elettromagnetico (EMF). Questo particolare tipo di strumento ti avvisa quando viene rilevato un campo elettromagnetico.

Se l’Energia Spirituale che ci lasciamo alle spalle dopo la morte non è nient’altro che l’energia elettrica persistente all’interno del nostro cervello, allora è difficile che i fulmini possano influenzarla a causa delle differenti lunghezze d’onda. Tra l’altro, le onde cerebrali hanno una lunghezza d’onda ancora più bassa di quelle rilevate da un misuratore EMF.

Energie Differenti

Se invece l’energia residua dopo la morte non fosse frutto delle nostre onde cerebrali, allora andrebbe individuata in una gamma di frequenze che può essere rilevata da un misuratore EMF. Dato che un misuratore di Campi Magnetici non è in grado di rilevare fulmuni, appare probabile che l’energia dei fantasmi sia di una frequenza molto più bassa di quella del fulmine.

Un fulmine fornisce circa un miliardo di joule di energia, che è sufficiente per alimentare una lampadina da 60 watt per sei mesi, ma quell’energia elettrica dura millisecondi e la maggior parte di essa viene convertita in altre forme di energia prima che un fantasma possa eventualmente nutrirsene.

Dispersioni Energetiche

Sebbene i fulmini abbiano una grande quantità di carica elettrica, la maggior parte di questa energia si disperde mentre attraversa l’aria dalla nuvola al suolo. Questa energia si trasforma nel brillante lampo di luce che vediamo e produce una notevole quantità di energia infrarossa, compreso il calore che surriscalda l’aria circostante. Inoltre, una parte significativa dell’energia di un fulmine si disperde durante il processo meccanico che crea l’onda d’urto, che percepiamo come il tuono.

I fulmini generano interferenze sull’intero spettro elettromagnetico, il che spiega perché è possibile riscontrare interferenze con la radio durante un temporale. Questo significa che il fulmine rilascerà energia su tutte le frequenze, che vanno dalle onde radio ai raggi X ad alta energia e ai raggi gamma. Pertanto, qualsiasi entità o fenomeno che esista a qualsiasi frequenza sarebbe comunque influenzato dall’energia di un fulmine.

Tuttavia, poiché questo impulso è spalmato su tutto lo spettro elettromagnetico, sarà molto più debole della potenza complessiva del fulmine. Inoltre l’energia si irradia dal punto d’impatto di un fulmine in tutte le direzioni. Man mano che l’energia si diffonde, diventa più debole.

Insomma, l’energia che un fantasma o uno spirito potrebbe assorbire da un temporale è uguale se non minore dall’energia che potrebbe prelevare dai tuoi elettrodomestici in casa. A differenza di un fulmine, una TV o una lampadina, ad esempio, rimangono in funzione per più tempo fornendo allo spirito tutto il tempo necessario ad approvigionarsi di energia.

Un esca per fantasmi

Alcuni investigatori paranormali usano un dispositivo chiamato Pompa Elettromagnetica durante le indagini. Questo dispositivo produce un campo elettromagnetico costante. È probabile che anche questo emetta più energia localizzata rispetto ai fulmini, a meno che tu non sia direttamente sotto una tempesta.

Un’altra affascinante possibilità è che i fantasmi escano per guardare la tempesta proprio come facciamo noi. Forse sono semplicemente svegliati dai forti fragori dei tuoni e dai lampi di luce. I vivi non possono resistere alla tentazione di avvicinarsi alla finestra più vicina per assistere al temporale perché i morti dovrebbero essere diversi?

In conclusione, l’interesse per la possibile correlazione tra Temporali, Fantasmi e Spiriti continua a suscitare curiosità tra gli studiosi del paranormale e gli appassionati di fenomeni inspiegabili. Sebbene non abbiano ancora emergo dati ufficiali a sostegno di questa teoria, il mistero persiste e le ipotesi rimangono aperte.

Mentre le testimonianze aneddotiche forniscono spunti interessanti, la vera natura dell’energia che alimenta gli spiriti e i fantasmi rimane sconosciuta. I temporali, con le loro immense quantità di energia, potrebbero rappresentare una risorsa per queste entità, ma la scienza e la ricerca continueranno a cercare risposte definitive.

In attesa di ulteriori scoperte nel campo del paranormale, rimaniamo affascinati dall’idea che, durante una tempesta, il mondo dei vivi e quello dei morti possano intrattenere una connessione energetica misteriosa, lasciandoci con un alone di mistero e meraviglia.

Lascia un Commento