in

Il Concetto di Morte per Bambini e Ragazzi

Il Concetto di Morte per Bambini e Ragazzi

Il concetto di morte per bambini e ragazzi è influenzato dalle esperienze passate con la morte, così come l’età, lo sviluppo emotivo e l’ambiente circostante sono ciò che maggiormente influenza l’idea di morte di un bambino. Cartoni animati, film, TV, videogiochi e persino libri sono pieni di immagini di morte. In più, il bambino potrebbe aver affrontato la morte di un familiare, un amico o un animale domestico in passato.

I Bambini ci osservano

I sentimenti e la paura della morte di un genitore vengono spesso trasferiti ai suoi figli. Trattare la morte come parte della vita è difficile, ma può aiutare ad alleviare parte della paura e della confusione che sono ad essa collegate.

I bambini possono essere più o meno maturi nel pensare e nell’elaborare informazioni rispetto ad altri della stessa età tuttavia quelli che seguono possono aiutarci a capire il concetto di morte per bambini e ragazzi.

Il Concetto Di Morte per Bamini e Ragazzi

Neonati

I bambini neonati non hanno il concetto di morte. Essi possono reagire alla separazione da un genitore, alle procedure dolorose e a qualsiasi cambiamento nella loro routine quotidiana. Un bambino che è malato terminale avrà bisogno di tante cure fisiche ed emotive come qualsiasi fascia d’età. Poiché i bambini di pochi mesi di vita non possono parlare dei loro bisogni, la paura viene spesso espressa piangendo.

Infante (1-2 Anni)

Per un bambino in questa fascia di età, la morte ha poco significato. Possono sentirsi di riflesso ansiosi e impauriti perché coloro che li circondano sono tristi, depressi, spaventati o arrabbiati. I bambini piccoli potrebbero non capire i termini “morte” o “per sempre” o “permanente”. Anche avendo esperienze passate con la morte, il bambino potrebbe non comprendere la relazione tra la vita e la morte. Per loro, la morte non è una condizione permanente.

Scuola materna

I bambini in età prescolare possono iniziare a capire che gli adulti temono la morte. Questa fascia di età può considerare la morte temporanea o reversibile, come nei cartoni animati. La morte è spesso spiegata a questa fascia di età come “andare in paradiso”. La maggior parte dei bambini di questa fascia di età non capisce che la morte è permanente, che tutti e tutti gli esseri viventi alla fine moriranno e che le cose morte non mangiano, dormono o respirano. Per questo motivo, la morte non dovrebbe essere spiegata come “dormire”.

La loro esperienza con la morte è influenzata da coloro che li circondano. Potrebbero porre domande sul “perché?” e come?” accade la morte. Il bambino in età prescolare potrebbe addirittura credere che i suoi pensieri o le sue azioni hanno causato la morte e la tristezza di coloro che lo circondano. Possono provare sensi di colpa e vergogna.

Quando i bambini di questa fascia di età si ammalano gravemente, possono pensare che sia una punizione per qualcosa che hanno fatto o pensato. Non riescono a capacitarsi di come i loro genitori non abbiano potuto proteggerli da questa malattia.

I fratelli in età prescolare di un bambino morente possono sentirsi come se fossero loro la causa della malattia e della morte. Anche i fratellini dei bambini morenti hanno quindi bisogno di rassicurazione e conforto durante questo difficile e doloroso periodo.

Età scolastica

I bambini in età scolare hanno una comprensione più realistica della morte. Sebbene la morte possa essere personificata come un angelo, uno scheletro o un fantasma, questa fascia di età comincia a capire che la morte è permanente. Sanno che tutti muoiono. Possono essere molto curiosi riguardo al processo fisico della morte e cosa succede dopo la morte di una persona. Possono cominciare a sviluppare la paura di morire proprio a causa dell’incertezza su ciò che accade loro dopo la morte. La paura dell’ignoto, la perdita di controllo e la separazione dalla famiglia e dagli amici possono essere le principali fonti di ansia e paura legate alla morte di un bambino in età scolare.

Adolescenza

Come per le persone di tutte le età, le esperienze passate e lo sviluppo emotivo influenzano notevolmente il concetto di morte di un adolescente. La maggior parte degli adolescenti capisce che la morte è permanente e che tutti muoiono. Potrebbero o meno aver subito la morte di un familiare, un amico o un animale domestico.

Gli adolescenti, come gli adulti, potrebbero voler far osservare i loro rituali religiosi o culturali.

La maggior parte degli adolescenti sta iniziando a stabilire la propria identità, indipendenza e relazione con i coetanei. Un tema principale negli adolescenti è sentirsi immortali o essere esenti dalla morte. La realizzazione che al contrario morire è possibile, minaccia tutti questi loro obiettivi. Gli atteggiamenti di negazione e di sfida possono cambiare improvvisamente la personalità di un adolescente che affronta la morte. Gli adolescenti possono sentirsi come se non appartenessero più o non si adattassero più ai loro coetanei. Potrebbero anche sentirsi come se non fossero in grado di comunicare con i loro genitori.

L’immagine di sé è importante anche per gli adolescenti. Una malattia terminale o gli effetti del trattamento possono causare molti cambiamenti fisici che devono sopportare. Gli adolescenti possono sentirsi soli nella loro lotta, spaventati e arrabbiati.

È importante che i genitori si rendano conto che i bambini di tutte le età reagiscono alla morte in modi unici. I bambini hanno bisogno di sostegno e, in particolare, di qualcuno che ascolti i loro pensieri e li rassicuri per alleviare le loro paure.

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
L'ultimo senso che ci abbandona è l'udito

L’ultimo senso che ci abbandona è l’udito

morire per le radiazioni

Com’è morire per le radiazioni?