in

Il parere della Chiesa sulla Morte

Vediamo cosa dicono le Sacre Scritture sul mistero della Morte

Il parere della Chiesa sulla Morte

La maggior parte delle persone ha una paura istintiva della morte. Allo stesso tempo altrettanti hanno anche la convinzione che ci sia qualcosa ci sia oltre la vita, che la morte non sia la fine di tutto. La fede cattolica è radicata nella convinzione che Dio ci ha fatti per godere della vita eterna al suo fianco. Ecco il parere della Chiesa sulla morte.

La Chiesa e la morte

Oltre al desiderio di pace e felicità, la maggior parte degli esseri umani spera che ci sia una vita dopo la morte. Desidera di poter incontrare ancora una volta le persone care che se ne sono andate prima di loro. Come scrisse Sant’Agostino d’Ippona, uno dei grandi maestri della Chiesa: «Ci hai fatti per te, o Signore, e il nostro cuore è inquieto finché non riposa in te». La comprensione cristiana della morte è imprescindibile dalla comprensione cristiana della vita. Vale la pena riassumere alcune di queste fondamentali credenze cristiane.

La realtà della morte

Nel disegno di Dio, l’uomo è stato creato per la santità e per vivere in eterno al suo fianco. Ma a causa del peccato originale dei nostri progenitori, adesso sperimentiamo una vita di sofferenza che culminerà con la morte. Questo non faceva parte del piano originale di Dio, ma fa parte della realtà della nostra vita ora.

La morte è quindi un mistero spaventoso. Veniamo separati da tutti i averi, il nostro corpo va incontro alla putrefazione ma la nostra anima immortale va incontro al Signore. Per la religione cattolica, dopo la morte riusciremo a vedere tutta la verità e affronteremo il giudizio di Dio.

La speranza della vita eterna

Ma i cristiani, forti della loro fede possono avvicinarsi alla morte con pace e fiducia proprio grazie al desiderio di essere finalmente a casa con il Signore. Hanno la speranza della vita eterna e la consapevolezza che Cristo ha già vinto la morte morendo in croce.

Gesù ha detto: “Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno può venire al Padre se non per mezzo di me» (Gv 14,6).

Dopo la morte, coloro che credono in Cristo, coloro che scelgono liberamente di accettare la misericordia e la salvezza che Egli offre, entreranno in paradiso. Tuttavia, alcuni di questi dovranno prima passare per la purificazione del purgatorio, aiutati dalle preghiere della Chiesa.

Le persone in purgatorio sono già con Dio, eppure hanno bisogno delle nostre preghiere per aiutarle a essere purificate da tutti gli effetti del peccato e poter finalmente incotrare Dio faccia a faccia.

Non sono un fedele

Coloro che rifiutano Cristo, che scelgono liberamente di allontanarsi dalla misericordia e dalla salvezza che offre, saranno condannati per le proprie azioni e scelte. Chi non crede in cristo ha perso la possibilità di vivere con Dio. Questa è la tragedia dell’inferno.

Tuttavia, secondo la Bibbia c’è speranza per tutti. La Bibbia dice infatti che Dio “desidera che tutti siano salvati” (1 Timoteo 2:4).

Coloro che, non per colpa loro, non conoscono Cristo o la sua Chiesa, hanno la speranza di raggiungere la salvezza, se cercano sinceramente Dio e si sforzano di fare la sua volontà per quanto la conoscono. Questa salvezza avverrà per mezzo dell’amore redentore di Gesù Cristo, ma in modi a noi sconosciuti.

La Resurrezione

Alla fine dei tempi, quando Cristo tornerà, i nostri corpi saranno resuscitati. Dio finalmente rivelerà gli scopi della sua creazione e riconcilierà tutte le cose in Cristo.

Coloro che verranno scelti da Cristo vivranno alla presenza di Dio per tutta l’eternità. Ed è proprio questa speranza che da ai cristiani la gioia di vivere anche nei momenti più difficili, e ci dà ragione per stare vicini a Cristo attraverso vite di fede e di amore.

Come si avvicinano i cristiani alla morte?

Al termine della vita, nella malattia o nella vecchiaia, un cristiano si prepara alla morte con la preghiera, la Confessione, l’Unzione degli infermi, insieme alla Santa Comunione .

In questo modo si può essere sicuri della misericordia di Dio e sostenuti dalle preghiere della Chiesa. La speranza di ogni cristiano è morire in grazia, riconciliato con Dio e in pace con gli altri.

L’obiettivo finale della vita di un cristiano è vedere Dio faccia a faccia, essere avvolto dal suo amore e rimanere per sempre in compagnia di tutti gli angeli e i santi.

Gli angeli e i santi in cielo sono coinvolti nell’opera di Dio. Questi pregano per noi e ci aiutano, perché la morte non è vicolo cieco ma un ponte per coloro che hanno fede in Cristo. E preghiamo per le anime sante del purgatorio.

Se Non Sei già dei nostri allora ...

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
Aiutare chi sta morendo

Aiutare chi sta morendo

Chi Decompone i Decompositori?