Condoglianze Persona Cara Frasi per condoglianze Informazioni

La morte di un figlio

La morte di un figlio - cosa c'è dopo la morte

La di un figlio è una per la quale nessun genitore potrà mai prepararsi adeguatamente. Sfortunatamente, questo tipo di perdita non è raro e potrebbe capitare di trovarsi nella posizione di offrire supporto a un genitore in lutto.

Il dolore dei genitori sopravvissuti è simile a quello che accompagna qualsiasi perdita. Ma può più intenso e può durare più a lungo. Indipendentemente dall'età, molti genitori che hanno perso un figlio lo descrivono come una ferita che non guarirà mai. Non è raro che i genitori in lutto si incolpino o siano arrabbiati per l'accaduto. Questa reazione può rendere il compito difficile a chi vuole offrire supporto, ma in realtà questi genitori hanno davvero bisogno di aiuto ora più che mai.

Quindi cosa puoi fare (o non fare) per aiutare un genitore che sta piangendo la morte di un figlio? Non ci sono regole per gestire queste situazioni. Ognuno gestisce il proprio dolore in modo diverso e con i propri tempi.

La morte di un figlio: cosa NON fare …

  1. Non evitare di parlare del bambino: se eviti di menzionarlo, potrebbe essere interpretato come se il bambino non fosse mai esistito. Puoi chiedere cosa è successo. Se i genitori non si sentono a loro agio a parlare della situazione, non insistere.
  2. Non sparire: tornando alle nostre normali attività dopo il funerale di un bambino, è facile dimenticare che i genitori hanno bisogno del nostro sostegno più che mai. Le loro vite non torneranno mai alla “normalità”. In effetti, tutta l'attività che ha preceduto il funerale probabilmente li ha tenuti occupati e occupati con la pianificazione e i dettagli. Una volta terminata quella frenetica attività, la casa sarà tranquilla senza tutte quelle cose che normalmente faceva il bambino.
  3. Non aspettarti che “lo superino”:  I genitori in lutto devono affrontare il loro dolore a modo loro e con i propri tempi.
  4. Non tirare in ballo le esperienze degli altri: lascia che i genitori si concentrino sulla loro perdita. Ogni è unica e appartiene a loro. Sebbene altri possano avere avuto esperienze simili, non sarà mai lo stesso e non è utile per i genitori in lutto fare confronti.
  5. Non dire cose come:
    • “So esattamente come ti senti.”
    • “Tieniti occupato per distogliere la mente dalle cose.”
    • “Puoi sempre avere un altro bambino.”
    • “Peccato che tu non abbia altri figli.”
    • “È un bene che tu abbia altri figli.”
  6. Non dimenticare il padre: per una serie di motivi, tendiamo a concentrarci sul lutto della . Ricorda, anche il padre ha subito una tremenda perdita che cambia la e ha bisogno anche lui di sostegno.
  7. Non prendere posizione: se noti che i genitori si stanno incolpando a vicenda per la morte del bambino, rimani fuori dalla disputa. La famiglia affronterà le difficoltà a modo suo. Sii per offrire supporto ma non schierarti.

La morte di un bambino: cosa fare …

  1. Sii amorevole e non giudicare: la cosa più importante che puoi fare è essere presente e disponibile per le persone amate. Lascia che i genitori ti mostrino le e parlino del loro bambino. Sii un buon ascoltatore.
  2. Chiedere ai genitori cosa è successo: i genitori potrebbero aver bisogno di parlare dei dettagli. Se non vogliono parlarne, non metterli sotto pressione. Chiama il figlio per nome. Se il bambino era un neonato, chiedi se aveva un nome in modo da poterlo chiamare per nome.
  3. Aiutali nei loro impegni o a svolgere le faccende domestiche: se sei a di qualcosa che potrebbe essere di aiuto alla famiglia, fallo. Puoi offrire assistenza, ma spesso le persone esiteranno ad accettare l'offerta per paura che tu ti senta obbligato.
  4. Invia fiori con una biglietto offri una donazione a un'organizzazione di beneficenza o di ricerca.

Per Ricevere Aggiornamenti Seguici Su ...


Forse Ti Può Interessare

  • Segnali dal mio defunto papàSegnali dal mio defunto papà
    Si tratta di un'esperienza vecchia ormai di qualche anno. Il mio adorato papà è morto l'11 agosto del 2013 dopo una lunga malattia. Il mio ragazzo ed io siamo stati accanto a lui fino all'ultimo, cercando di aiutarlo il più possibile. Forse è proprio grazie a quell'aiuto che forse, sono …
  • Morte clinica e morte cerebraleMorte clinica e morte cerebrale
    Non basta la morte clinica. Per essere morti davvero bisogna che sopraggiunga la morte cerebrale. Il processo di invecchiamento fisico spesso si conclude con il malfunzionamento di diversi organi: il sistema cardiovascolare collassa, i polmoni e il cervello smettono di funzionare correttamente e si muore. Da un punto di vista …
  • Mary Neal, la dottoressa che ha visto il paradisoMary Neal, la dottoressa che ha visto il paradiso
    La dottoressa Mary Neal, un chirurgo ortopedico, quasi vent'anni fa ha avuto un'Esperienza di Pre-Morte e ha deciso di condividerla con il mondo da quando è accaduta quasi vent'anni fa. Ma Mary Neal, non solo dice di essere stata in paradiso, dice anche di essere stata avvertita della tragica morte …

Lascia un Commento