in

La Placofobia è la paura delle lapidi

Bisogna ammettere che ci sono lapidi davvero inquietanti

Tutti, chi più chi meno hanno le proprie paure. Mentre alcune di queste sono considerate paure generali, altre sono considerate fobie specifiche. Una di queste fobie specifiche è la placofobia. La placofobia è la paura irrazionale di tombe e lapidi.

La placofobia è spesso correlata ad altre fobie come la tanatofobia (paura della morte), la coimetrofobia (che significa la paura irrazionale dei cimiteri), la necrofobia (paura di cose morte o cadaveri), o la tafofobia (che è la paura di essere sepolti vivi).

Chiunque soffra di placofobia farà del suo meglio per stare lontano da lapidi, funerali e qualsiasi cosa abbia a che fare con le cerimonie funebri. Spesso, una persona che soffre di placofobia può sviluppare gravi attacchi di ansia solo al semplice pensiero delle lapidi, per non parlare di vederne una nella realtà.

I sintomi della placofobia

In alcuni casi, una persona che ha sviluppato la placofobia può avere attacchi di panico in piena regola quando pensa o vede lapidi. Tuttavia, sebbene non lo sia in tutti i casi, alcuni di loro non sono in grado di gestire il solo pensiero e probabilmente avranno attacchi di panico anche quando non in presenza di una vera e propria lapide.

Alcuni dei probabili sintomi di persone che hanno attacchi di panico a causa della placofobia includono aumento della frequenza cardiaca, aumento della frequenza respiratoria, pulsazioni accelerate, aumento della pressione sanguigna, tensioni muscolari e sudore eccessiva.

Come altre fobie, le persone che soffrono di placofobia faranno di tutto per evitare l’oggetto delle loro paure. Spesso, fanno di tutto per garantire che non siano esposte alla visione di tombe o lapidi in alcun modo. Ne dal vero ne in semplice fotografia.

Non importa chi muore o quanto sia stretta una relazione che hanno condiviso con quella persona, si assicureranno di non partecipare alla cerimonia funebre di quella persona. In alcuni casi, le persone che affette da placofobia eviteranno i cimiteri anche rimanendone all’esterno, sebbene non siano obbligate a entrarci

Se stanno guidando e devono passare nelle vicinanze di un cimitero, preferirebbero evitare quel percorso anche se ciò significasse prenderne uno più lungo, pur di evitare di passare accanto al cimitero.

Anche se il placofobico crede che evitare cimieri li aiuterà a a ridurre le possibilità di avere attacchi di panico, a lungo termine, finiscono per peggiorare le loro condizioni aumentando i sintomi della loro placofobia.

Cause di placofobia

Proprio come altre fobie, la placofobia non ha una causa certa. Tuttavia, molti psicologi ritengono che la placofobia sia spesso il risultato di una combinazione di due diversi fattori, ossia:

– Fattori genetici

È del tutto possibile ottenere, con l’eredità genetica dei nostri genitori, anche alcune delle nostre paure. La maggior parte delle persone con determinate fobie specifiche, placofobia inclusa, hanno avuto genitori affetti da un disturbo mentale o da una fobia. È quindi possibile sviluppare una placofobia se un familiare ha avuto un disturbo simile se non identico.

– Fattori ambientali

Non basta tuttavia la sola predisposizione genetica. Deve esserci un trigger sufficientemente adeguato per mettere in moto quel gene. Nel caso della placofobia, dunque, una persona predisposta geneticamente a questa fobia, dovrà avere un’esperienza traumatica abbastanza forte da innescare l’azione di quel gene.

Esistono numerosi fattori che possono attivare quel gene. I pazienti che sono stati cresciuti da persone che hanno un’intensa paure delle lapidi possono innescare la placofobia nei loro figli. In altre parole, se i tuoi genitori o tutori hanno una paura irrazionale delle lapidi e lo lasciano trasparire quando si trovano davanti ad una tomba, possono facilmente trasmettere un senso di ansia ai loro figli. A lungo termine, il bambino comincia a sviluppare la placofobia, che diventa sempre più evidente man mano che cresce.

– Esperienze passate

Una persona può continuare a sviluppare la placofobia a seguito di un’esperienza traumatica personale o che le è stato raccontato.

– Sintomi della placofobia

Come per quasi tutte le fobie, una persona affetta da placofobia molto probabilmente mostrerà segni di ansia e attacchi di panico, specialmente quando sono vicina a fattori scatenanti. È importante sapere che non tutti svilupperanno attacchi di panico. Inoltre, a seconda della gravità dell’attacco di panico, alcuni pazienti potrebbero dover essere ricoverati in ospedale. Quando una persona ha a che fare con qualsiasi tipo di fobia (in questo caso, placofobia), la maggior parte delle volte tende sempre ad evitare le proprie paure. Questo significa che i fobici si assicureranno di non entrare in contatto con la fonte delle loro paure in alcun modo. Le persone che soffrono di placofobia possono avere due diverse forme di sintomi: Sintomi fisici e sintomi psicologici.

Sintomi fisici

La maggior parte delle persone che soffrono di placofobia spesso sperimentano attacchi di panico, che possono essere molto angoscianti e spaventosi. A volte, questi sintomi si manifestano senza preavviso e qualche volta il fobico potrebbe non aver nemmeno bisogno di essere vicino alla fonte delle sue paure per sperimentare un attacco di panico: il solo pensiero di lapidi o tombe è sufficiente per innescare una risposta.

Un attacco di panico può innescare risposte fisiche reali come:

  • Sudorazione intensa
  • Tremori
  • Brividi e/o vampate di calore
  • Difficoltà a respirare o mancanza di respiro
  • Sensazione di soffocamento
  • Tachicardia
  • Frequenza cardiaca accelerata
  • Dolori e senso di oppressione al petto
  • Nausea
  • Vertigini e forti mal di testa.
  • Svenimento
  • Punture di spillo alle mani e alle gambe
  • Intorpidimento occasionale degli arti
  • Bocca asciutta
  • Sensazione di dover usare continuamente il bagno
  • Ronzio nelle orecchie
  • Incapacità di pensare in modo chiaro
  • Disorientamento e confusione
  • Aumento della pressione sanguigna
  • Aumento della temperatura corporea.
  • Iperventilazione

Alcuni dei sintomi psicologici includono

  • Paura perdere il controllo di se stessi
  • Paura di morire
  • Terrore
  • Paura dell’ignoto
  • Paura di svenire
  • Senso di colpa
  • Difficoltà a concentrarsi
  • Irritabilità, sbalzi d’umore e rabbia

Trattamento della placofobia

Molte persone che soffrono di placofobia spesso pensano di non aver bisogno di cure. Questo perché sentono che evitando la fonte della loro paura, stanno bene. Tuttavia, non si rendono conto che evitare tombe e lapidi è solo una soluzione rapida e momentanea non una soluzione permanente alla loro ansia.

Ci sono poi situazioni nelle quali evitare le proprie paure non sarà più sufficiente o possibile. È quindi imperativo eradicare la fobia cercando un aiuto professionale.

Cercare l’aiuto di uno psicologo non è un segno di debolezza, come si potrebbe pensare. È al contrario un segno di forza e coraggio quello di voler fronteggiare le proprie emozioni.

Sebbene la maggior parte delle fobie, compresa la placofobia, siano curabili, non ci sono regole universali per liberarsene. In altre parole, il trattamento della placofobia dipende molto dalla persona e dalla gravità della sua forma.

Trattare la placofobia

Le sedute con uno psicologo sono una forma di terapia individuale con un professionista esperto e qualificato. Questo tipo di terapia è rilassante e, soprattutto, fisicamente non intrusive. Uno psicologo può aiutarti a capire meglio te stesso e anche a dare un senso alla tua fobia. Può aiutarti a prendere nota di tutti i comportamenti e le tue reazioni inutili se non addirittura dannose e a trovare modi per aiutarti a correggerli. Uno psicologo sarà in grado di aiutarti a risolvere i tuoi problemi o almeno, ad aiutarti a trovare il modo di conviverci.

La terapia dell’esposizione

Le persone che soffrono di placofobia spesso pensano che le lapidi possano in qualche modo danneggiarle e per questo evitano luoghi dove possono trovare. Tuttavia, nella terapia dell’esposizione, il paziente viene gradualmente esposto alle sue paure in un ambiente controllato, consentendo al terapeuta di guidarlo nella comprensione che la sua paure non è altro che una visione distorta della realtà e che le lapidi non possono nuocergli in alcun modo.

L’uso dei farmaci

In generale, i farmaci non sono mai raccomandati come primo passo per trattare le fobie. In effetti, va notato che i farmaci non trattano le fobie ma solo i loro effetti collaterali come depressione e / o ansia.

Se Non Sei già dei nostri allora ...

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
la placofobia

Coimetrofobia: La paura dei cimiteri

La tafofobia

La tafofobia è la paura di essere sepolti vivi