in ,

La Reincarnazione nella Scienza

reincarnazione scienza
The human embryo in space and the spiral of time, the concept of reincarnation, evolution and astrology

Sebbene la reincarnazione sembri una cosa scontata per gli oltre 1,25 miliardi di praticanti dell’induismo e del buddismo, non è ampiamente accettata da coloro al di fuori della religione orientale. Lo scetticismo occidentale sulla reincarnazione è legato al focus che le religioni monoteiste hanno su una singola vita, un’unica anima e un su un Dio. Niente che si basi su leggi karmiche. E con gente che racconta in giro di essere la reincarnazione di Cleopatra o Elvis, non sorprende che molte persone rimangano estremamente scettiche sulla possibilità dell’anima di tornare ripetutamente in vita attraverso corpi differenti. Ma come è vista la reincarnazione nella scienza?

Le ricerche sulla Reincarnazione

Tuttavia, questo scetticismo generale non ha impedito ai ricercatori di studiare il fenomeno della reincarnazione. Il dottor Ian Stevenson, uno psichiatra accademico, ha condotto lo studio della reincarnazione negli Stati Uniti fino alla sua morte nel 2007 (Ne parliamo meglio in QUESTO ARTICOLO). Stevenson ha fondato la Division of Personality Studies sotto il dipartimento di psichiatria e scienze neurocomportamentali dell’Università della Virginia. Il laboratorio, che in seguito divenne noto come Division of Perceptual Studies, si concentra sullo studio di bambini che affermano di ricordare vite precedenti, esperienze di pre-morte e di sperimentare apparizioni e comunicazioni dopo la morte, esperienze fuori dal corpo e visioni sul letto di morte.

Stevenson, spesso definiva la reincarnazione come la “sopravvivenza della personalità dopo la morte“.L’esistenza di vite passate era una potenziale spiegazione per le differenze nella condizione umana. Credeva che le esperienze passate più la genetica e l’ambiente potessero aiutare a chiarire la disforia di genere, le fobie e altri tratti della personalità altrimenti inspiegabili.

Gli studi di Stevenson

Gli studi sulla reincarnazione di Stevenson si sono concentrati su bambini piccoli, di solito di età compresa tra 2 e 5 anni, che avevano fobie inspiegabili o ricordi dettagliati su una ipotetica vita precedente. Stevenson tenterà di corroborare i fatti presentati dal bambino con i dettagli della vita di una persona deceduta. A volte creava collegamenti sorprendenti tra ricordi e vite. Un ragazzo libanese studiato da Stevenson non solo sapeva dove uno sconosciuto deceduto aveva legato il suo cane, ma anche che l’uomo era stato messo in quarantena nella sua stanza, un fatto che la famiglia attribuiva alla sua tubercolosi polmonare.

Stevenson ha studiato 2.500 casi nel corso di circa quattro decenni e ha pubblicato libri e articoli tecnici. Ha affermato di voler semplicemente suggerire che la reincarnazione fosse plausibile, non di volerla dimostrare in modo inequivocabile. Nonostante l’impegno di Stevenson, il suo lavoro è stato in gran parte respinto dalla comunità scientifica. L’impossibilità di eseguire esperimenti di controllo sui suoi studi ha scoperto il fianco della sua ricerca a svariate critiche.

Stevenson lancia una sfida!

Anche se Stevenson non ha mai dichiarato apertamente la sua personale convinzione dell’esistenza del fenomeno della reincarnazione, ha espresso il suo desiderio di comunicare dopo la morte. Quasi 40 anni fa, lo psichiatra ha acquistato un lucchetto a combinazione e ha impostato lui stesso il codice. Il lucchetto è ora in uno schedario nella Divisione di Studi Percettivi. Secondo quanto riferito, ha detto ai colleghi che dopo la sua morte avrebbe tentato di trasmettere il codice della serratura a qualcuno. Dalla morte di Stevenson, avvenuta nel febbraio 2007, nessuno ha ancora aperto la serratura.

La Reincarnazione nelle varie culture

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
reincarnazione occidentale

La Reincarnazione nell’antico mondo occidentale

reincarnazione Buddismo

La Reincarnazione nel Buddismo