Cultura Religioni

L’Anima e il suo viaggio verso l’Aldilà

Anima viaggio aldilà - cosa c'è dopo la morte

La gente può credere o meno nell'esistenza dell'anima, tuttavia, fin dall'antichità quasi tutte le principali religioni, ne contemplavano l'esistenza Anche oggi è opinione comune che un'anima continui ad esistere anche dopo la morte. Quando moriamo, l'anima semplicemente lascia il fisico per viaggiare in direzione di un'altro . La posizione di questo altro mondo varia da a religione, da cultura a cultura. Quanto tempo impiega l'anima a raggiungere la sua meta nel suo viaggio verso l'?

In Partenza!

Tutte le credenze, che siano di carattere mitologico, religioso o semplicemente individuali, hanno parere diverso su quando, dopo la morte, l'anima comincia il suo importante viaggio verso l'aldilà.  Alcune credenze, sostengono che il viaggio dell'anima verso l'Aldilà inizi immediatamente dopo la morte. Altre religioni, invece, pensano ci vogliano vogliano tre o quattro giorni, o sette, undici, dodici o tredici giorni o addirittura quaranta giorni o più dopo la morte. A seconda della credenza, la durata del viaggio astrale dell'anima nell'altro mondo può variare fino a un anno dopo la morte, sempre che non si diventi fantasmi.

Tante Analogie

È affascinante come siano presenti diversi elementi comuni, anche tra differenti. Più volte possiamo trovare i 40 giorni, l'attraversamento di un fiume, l'esistenza di due mondi (di solito l'inferno e il paradiso), l'esistenza di “porte” come punti di passaggio tra i vari mondi ecc. Come per molte altre cose, il loro significato, ovviamente, varia da religione a religione, da famiglia a famiglia e nel tempo. 

Nella della Chiesa greco-cattolica ucraina e ortodossa orientale si crede che l'anima dei defunti vaghi sulla Terra per un periodo di 40 giorni. In questo periodo, l'anima visita i luoghi in cui ha vissuto fino ad arrivare alla sua tomba.Trascorso questo periodo, l'anima può lasciare questo mondo per recarsi nell'aldilà.

Nella tradizione russa è comune rifare il letto per il defunto durante il periodo di 40 giorni dopo la morte. Al quarantesimo giorno le lenzuola vengono donate ai poveri. In alcune tradizioni presenti in Russia, la notte che precede il quarantesimo giorno dopo la morte si tengono veglie notturne con intense preghiere. Il quarantesimo giorno serve per dire addio al defunto e gli si chiede di non venite più da noi, perché saremo noi ad andare da lui. Dopo il quarantesimo giorno i vivi non possono più addolorarsi per la perdita ma devono andare avanti con le loro vite.

In India, in molte famiglie viene tenuto acceso un diya (lampada ad olio) per l'anima defunta per 40 giorni. Si crede che il quarantesimo giorno giorno l'anima attraversi il fiume che separa il mondo dei vivi e il mondo dei morti. Molte famiglie credono anche che l'attraversamento del fiume cancelli o riduca considerevolmente i dell'anima della sua esistenza terrena dissolvendo la sua “personalità” terrena. Questa perdita di memoria consentirebbe un passaggio più facile verso una vera forma spirituale.

Un fiume sul viaggio per l'aldilà

Un fiume è anche nella mitologia greca. Qui le anime devono attraversare il fiume Stige prima di raggiungere l'altro mondo. La traversata poteva essere effettuata solo su un traghetto guidato da un vecchio barcaiolo di nome Caronte. Caronte, tuttavia, poteva trasportare l'anima del defunto solo se fossero stati eseguiti riti funebri adeguati per il corpo sulla terra. Analogamente, in India, il 47° capitolo del Preta Khanda nel Garuda Purana descrive il fiume Vaitarni che deve essere attraversato dalle anime dei morti. Le anime dotate di un buon avrebbero attraversato facilmente il fiume, quelle con cattivo karma sarebbero altrimenti affondate.

Il fiume Vaitarna (o Vaitarani) si troverebbe tra la terra e l'infernale Naraka, il regno di Yama, dio indù della morte, in grado di purificare i peccati delle anime. Inoltre, mentre i giusti vedono questo fiume come pieno di acqua simile al nettare, i peccatori lo vedono pieno di sangue.

Per Ricevere Aggiornamenti Seguici Su ...


Forse Ti Può Interessare

  • Le fasi del LuttoLe fasi del Lutto
    Quando perdiamo una persona cara, il dolore che proviamo può sembrare insopportabile. Comprensibilmente, il dolore è complicato e a volte ci chiediamo se il dolore finirà mai. Passiamo attraverso una varietà di esperienze emotive come rabbia, confusione e tristezza. Una teoria sviluppata dalla psichiatra Elisabeth Kübler-Ross suggerisce che esistano cinque fasi del Lutto ben …
  • I Sogni Del LuttoI Sogni Del Lutto
    Capita spesso che le persone che hanno perso una persona cara, la ritrovino in sogno. Questi sogni, particolarmente vividi e significativi possono aiutare nel difficile processo del lutto. Sognare chi è morto Non solo sognare i propri cari da poco defunti è qualcosa di molto comune, ma tante persone ritengono …
  • Morire: Cinque Miti da SfatareMorire: Cinque Miti da Sfatare
    Per molte persone, le nozioni che si hanno sulla morte e sul morire provengono dai romanzi, dalla televisione e dai film. Tuttavia, ciò che viene rappresentato in genere non è accurato o comunque poco fedele alla realtà. Proprio da queste situazioni nascono la gran parte dei miti sul morire che …

Lascia un Commento