in

Le fasi del Lutto

Conoscere le emozioni dopo la perdita può aiutarci a guarire

Le fasi del lutto

Quando perdiamo una persona cara, il dolore che proviamo può sembrare insopportabile. Comprensibilmente, il dolore è complicato e a volte ci chiediamo se il dolore finirà mai. Passiamo attraverso una varietà di esperienze emotive come rabbia, confusione e tristezza. Una teoria sviluppata dalla psichiatra Elisabeth Kübler-Ross suggerisce che esistano cinque fasi del Lutto ben distinte dopo la perdita di una persona cara: negazione, rabbia, contrattazione, depressione e infine accettazione.

Le 5 fasi del Lutto

1 – Rifiuto

Il primo stadio di questa teoria, la negazione ci aiuta a minimizzare il dolore opprimente della perdita. Mentre elaboriamo la realtà della nostra perdita, stiamo anche cercando di sopravvivere al dolore emotivo . Può essere difficile accettare che abbiamo perso una persona importante nella nostra vita, specialmente se abbiamo appena parlato da poco con questa persona.

La nostra realtà è cambiata completamente dopo la perdita. La nostra mente può impiegare del tempo per adattarsi a questa nuova realtà. Ripensiamo alle esperienze che abbiamo condiviso con la persona morta e a tutte quelle future che abbiamo perso. Potremmo trovarci a chiederci come andare avanti nella vita senza questa persona.

Si tratta di molti pensieri da elaborare e molte immagini dolorose da elaborare. La negazione, il rifiuto tenta di rallentare questo processo e portarci attraverso di esso un passo alla volta.

La negazione non è solo un tentativo di fingere che la perdita non esista. Stiamo anche cercando di assorbire ed elaborare cosa sta succedendo.

2 – La rabbia

È comune provare rabbia dopo la morte di una persona cara. Stiamo cercando di adattarci a una nuova realtà e probabilmente stiamo vivendo un estremo disagio emotivo. C’è così tanto da elaborare che la rabbia può sembrare un efficace sfogo emotivo.

In più la rabbia non ci fa sembrare vulnerabili e può sembrare socialmente più accettabile piuttosto che ammettere che abbiamo paura. La rabbia ci permette di esprimere le emozioni avendo meno paura del giudizio altrui.

Sfortunatamente, la rabbia tende ad essere la prima cosa che proviamo quando iniziamo a rilasciare le emozioni legate alla perdita. Questo può farti sentire più solo nella tua esperienza perché potresti dare l’impressione che è meglio non avvicinarsi, proprio nei momenti in cui potremmo beneficiare di conforto e rassicurazione.

3 – Contrattazione

Quando si affronta una perdita, non è insolito sentirsi così disperati da essere disposti a fare quasi tutto per alleviare o ridurre al minimo il dolore. La perdita di una persona cara può indurci a considerare qualsiasi modo in cui possiamo evitare il dolore attuale o il dolore che ci aspettiamo dalla perdita. Ci sono diversi modi in cui possiamo provare a contrattare.

La contrattazione può arrivare ad una varietà di promesse, ad esempio:

  • “Dio, se guarirai questa persona, cambierò la mia vita.”
  • “Prometto di essere migliore se lascerai vivere questa persona.”
  • “Non mi arrabbierò mai più se non lo fai morire.”

Spesso si contratta con un’entità superiore, o comunque con qualcosa di più grande di noi che si crede o si spera possa fornire un esito diverso. C’è un’acuta consapevolezza della nostra umanità in questi momenti in cui ci rendiamo conto che non c’è nulla che possiamo fare per influenzare la realtà per avere un lieto fine.

Questa sensazione di impotenza potrebbe farci ribellare o protestare contro l’entità superiore. Durante la contrattazione tendiamo anche a concentrarci sui nostri difetti o sui nostri rimpianti personali. Potremmo guardare indietro ai nostri rapporti con la persona che stiamo perdendo e notare tutte le volte in cui siamo stanti distanti o potremmo aver causato loro dolore.

È abbastanza comune ricordare i momenti in cui potremmo aver detto cose che non intendevamo e vorremmo poter tornare indietro e comportarci in modo diverso.

4 – Depressione

Durante la nostra esperienza di elaborazione del lutto, arriva un momento in cui iniziamo lentamente a tornare alla realtà della nostra situazione. La contrattazione è conclusa e siamo di fronte a ciò che sta realmente accadendo.

Iniziamo a sentire più pesante la perdita della persona amata. Quando il nostro panico inizia a diminuire, la nebbia emotiva che copriva i nostri pensieri razionali inizia a schiarirsi e la perdita sembra più reale.

In quei momenti, tendiamo a chiuderci in noi stessi mentre la tristezza cresce. Potremmo diventare meno socievoli e ad aprirci molto meno con gli altri su ciò che stiamo attraversando. Sebbene questa sia una fase molto naturale del dolore, affrontare la depressione dopo la perdita di una persona cara può essere estremamente difficile.

5 – Accettazione

Quando finalmente arriva l‘accettazione, non è che non sentiamo più il dolore per la perdita. Cambia però il nostro modo di porci di fronte ad essa. Con l’accettazione, non stiamo più resistendo alla realtà della nostra situazione e non stiamo cercando di renderla qualcosa di diverso.

Tristezza e rimpianto possono ancora essere presenti in questa fase, ma è meno probabile che siano presenti il rifiuto, la contrattazione e la rabbia.

Tipi di dolore

Considerate le cinque fasi del lutto (o del dolore), è importante ricordare che le persone soffrono in modo diverso. Alcune fasi possono anche non arrivare e l’ordine non è necessariamente quello proposto. Possiamo passare da una fase all’altra e possibilmente anche andare avanti e indietro prima di passare completamente a una nuova fase.

Inoltre, è impossibile prevedere la durata per nessuna di queste fasi. Qualcuno potrebbe sperimentare cambiamenti abbastanza rapidamente, ad esempio nel giro di poche settimane, ma altri potrebbero impiegare mesi o addirittura anni prima di arrivare all’accettazione. 

Il tuo dolore è unico, così come il rapporto che avevi con la persona che hai perso. Per questo l’elaborazione del lutto è diversa per ogni persona. Devi prenderti il tempo necessario senza pensare a come dovresti comportarti mentre elabori il dolore.

Altri Modelli di Elaborazione Del Lutto

Sebbene le cinque fasi del lutto sviluppate da Elisabeth Kübler-Ross siano considerate uno dei modelli più facilmente riconoscibili, ci sono anche altri modelli da menzionare.

Ogni teoria cerca di spiegare come il dolore può essere percepito ed elaborato. I ricercatori sul lutto sperano di utilizzare questi modelli per fornire maggiore aiuto a coloro che stanno soffrendo per la perdita di una persona cara, offrendo informazioni e cure efficaci a coloro che ne hanno bisogno.

Teoria dell’attaccamento e dolore

Lo psicologo John Bowlby ha concentrato i sui studi sulla ricerca dell’attaccamento emotivo tra genitore e figlio. Secondo Bowlby, questi primi attaccamenti con persone importanti nella nostra vita, aiutano a plasmare il nostro senso di sicurezza e protezione.

Lo psichiatra britannico Colin Murray Parkes ha sviluppato un modello di lutto basato sulla teoria dell’attaccamento di Bowlby, suggerendo che ci sono quattro fasi del lutto quando si sperimenta la perdita di una persona cara.

  • Shock e intorpidimento : la perdita in questa fase sembra impossibile da accettare. Siamo sopraffatti dal dolore quando cerchiamo di far fronte alle nostre emozioni. Parkes suggerisce che in questa fase si prova anche un disagio fisico portando a sintomi somatici.
  • Desiderio e ricerca : mentre elaboriamo la perdita, in questa fase potremmo iniziare a cercare conforto per riempire il vuoto che la persona amata ha lasciato. Possiamo provare a farlo rivivendo i ricordi attraverso foto e video e cercando presunti segni, dei messaggi della persona scomparsa per sentirci in contatto con loro. 
  • Disperazione e disorganizzazione : Questo è il momento per sentirci arrabbiati. La consapevolezza che la persona amata non tornerà diventa reale e possiamo avere poche speranze per la nostra vita futura. Potremmo sentirci senza uno scopo in questa fase e ad allontanarci dagli altri mentre elaboriamo il nostro dolore.
  • Riorganizzazione e recupero : in questa fase, ci sentiamo più fiduciosi che i nostri cuori e le nostre menti torneranno alla normalità. Tuttavia, come accade per la fase di accettazione di Kübler-Ross, la tristezza o il desiderio per la persona amata non scompaiono. Tuttavia, siamo sulla strada verso la guarigione e la compagnia di amici e parenti può essere un valido supporto. Bisogna trovare piccoli espedienti per ristabilire un po’ di normalità nella nostra vita quotidiana.



Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
morte di un coniuge

La morte di un coniuge

sepolti vivi

Sepolti vivi: Le migliori strategie usate nella storia per evitarlo