Cultura Religioni

Le prove della Resurrezione di Gesù

La resurrezione di Gesù

L'evento più importante della storia è la resurrezione di Gesù Cristo. Questo dimostra che Gesù è il Figlio di Dio. Grazie a questo evento, le persone possono sperare nella vita eterna, una speranza che porta gioia e motivazione nella vita quotidiana.

Nel corso del , però, alcuni studiosi hanno messo in dubbio la storia della Resurrezione. Molti libri di storia nelle nostre scuole offrono spiegazioni diverse o, in certi casi, non parlano affatto di questo evento.

In questo articolo, esporremo le prove della Resurrezione di Gesù per capire se si tratta di un evento storico o di una finzione. Prima però, bisogna confermare che Gesù Cristo è stato un personaggio reale e non una leggenda.

Gesù è stato un personaggio reale

Ci sono molti documenti storici che confermano l' di Gesù. Per cominciare, ci sono i quattro Vangeli scritti da Matteo, Marco, Luca e Giovanni, che descrivono in dettaglio la vita di Gesù. Questi racconti sono stati in gran parte confermati dall'archeologia, che ha verificato nomi di persone, luoghi, monete e tempi degli eventi menzionati nel Nuovo Testamento. Sir William Ramsay, un rinomato geografo del XIX secolo, ha cambiato la sua opinione negativa sul cristianesimo dopo aver trovato forti prove a sostegno dell'accuratezza del Nuovo Testamento durante le sue ricerche.

Le prove testuali dimostrano che i Vangeli furono scritti e diffusi mentre coloro che avevano assistito agli eventi erano ancora in vita. I testi citano molti nomi e luoghi, il che avrebbe permesso ai testimoni oculari di smentire gli scritti se fossero stati falsi. Se le informazioni fossero state sbagliate, il Nuovo Testamento non sarebbe sopravvissuto fino a oggi. Questi elementi suggeriscono che i Vangeli sono affidabili dal punto di vista storico e confermano che Gesù è realmente esistito.

Un altro testo che conferma l'esistenza storica di Gesù è scritto da Giuseppe Flavio, uno storico ebreo che non era di certo a favore del cristianesimo. Nella sua opera “Antichità“, una cronaca della storia ebraica destinata ai lettori romani, menziona: “Or vi era in quel tempo Gesù, un uomo saggio, se è lecito chiamarlo uomo”. Giuseppe Flavio descrive ulteriori dettagli sulla vita e morte di Gesù che sono in accordo con quanto riportato nel Nuovo Testamento. Inoltre, storici romani come Svetonio, Tacito e Plinio il Giovane hanno scritto di Gesù come di una persona che è realmente esistita.

Gli scettici spesso mettono alla prova i cristiani chiedendo prove scientifiche della Resurrezione di Gesù.

Dobbiamo ricordare che il richiede osservazioni ripetute di un evento o oggetto per stabilire un fatto. Questo metodo, però, è adatto solo per eventi che si possono ripetere o oggetti che si possono continuamente. Gli eventi storici, come la Resurrezione, non possono essere ripetuti. Per esempio, non possiamo osservare la formazione del nostro sistema solare più volte. Nonostante ciò, l'incapacità di osservarlo ripetutamente non significa che non sia mai avvenuto.

Per confermare un evento storico come la Resurrezione, dobbiamo quindi analizzare le prove storiche. Credere nel del Nuovo Testamento è ragionevole e che il metodo scientifico non si adatta alla verifica di eventi storici.

Esame delle prove della resurrezione di Gesù

Nell'analizzare la Resurrezione di Gesù, dobbiamo considerare tre elementi importanti: la tomba trovata vuota, il cambiamento radicale negli Apostoli e il fatto che la predicazione della Resurrezione sia iniziata a Gerusalemme.

Esaminiamo innanzitutto il caso della tomba vuota. Gesù era una figura molto conosciuta in Israele. Il suo luogo di sepoltura era conosciuto da molte persone. Infatti Matteo riporta l'esatta ubicazione della tomba di Gesù. Afferma: “Giuseppe, preso il di Gesù, lo avvolse in un candido lenzuolo” (Matteo 27:59). Marco afferma invece che Giuseppe era “un membro eminente del Consiglio”

Sarebbe stato distruttivo per gli scrittori inventare un uomo di tale importanza, nominarlo specificamente per indicare il luogo della tomba, poiché i testimoni oculari avrebbero facilmente screditato le affermazioni false dell'autore.

Sia le fonti ebraiche che quelle romane confermano che la tomba era vuota. Matteo 28:12-13 riporta che i capi sacerdoti diffusero la storia che i discepoli avevano rubato il corpo. Questa invenzione non sarebbe stata necessaria se la tomba non fosse stata vuota. Chi contesta la Resurrezione deve spiegare questo punto. Se la tomba fosse stata piena, la predicazione degli Apostoli sarebbe terminata subito. Le autorità ebraiche avrebbero potuto smantellare il cristianesimo semplicemente mostrando il corpo di Gesù.

Oltre alla tomba vuota, si aggiunge il fatto che il corpo di Gesù non è mai stato ritrovato. Nessun documento storico del primo o secondo secolo contraddice il fatto della tomba vuota o riporta il ritrovamento del corpo. Tom Anderson, ex presidente dell'Associazione degli Avvocati Processuali della California, ha dichiarato:

Supponiamo che i resoconti scritti delle Sue apparizioni a centinaia di persone siano falsi. Voglio porre una domanda. Con un evento così ben pubblicizzato, non pensi che sia ragionevole che uno storico, un testimone oculare, un antagonista avrebbe detto di aver visto il corpo di Cristo? … Il silenzio della storia è assordante quando si tratta della testimonianza contro la  . 

In secondo luogo, dobbiamo considerare come sono cambiati gli Apostoli. Nei Vangeli si dice che, quando Gesù fu arrestato, gli Apostoli lo lasciarono da solo perché avevano paura. Tuttavia, dopo la sua morte, 10 degli 11 Apostoli originali sono morti da martiri, convinti che Gesù fosse risorto. Come si spiega questo grande cambiamento, da spaventati a coraggiosi fino alla morte? Deve essere successo qualcosa di molto importante per causare una trasformazione così grande.

In terzo luogo, dopo la Resurrezione, gli Apostoli iniziarono a predicare a Gerusalemme, dove Gesù era stato crocifisso. Questo è importante perché Gerusalemme era il luogo più difficile dove parlare di Gesù risorto, dato che era piena di persone che non credevano in Lui. Solitamente, le storie inventate nascono lontano dal luogo degli eventi o molto tempo dopo. Questo perché è più difficile smentirle quando i dettagli non possono essere facilmente controllati. Ma qui, gli Apostoli hanno iniziato a raccontare la Resurrezione subito dopo, nella stessa città dove è accaduto tutto. Così, chiunque avrebbe potuto cercare di confutare la loro storia verificando i fatti.

Cinque spiegazioni comuni alla resurrezione di Gesù

Nel corso degli anni sono state proposte cinque spiegazioni per argomentare contro la Resurrezione. 

1 – La teoria della tomba sbagliata

Chi crede in questa teoria dice che, secondo i racconti dei Vangeli, delle donne sono andate alla tomba di Gesù all'alba, quando era ancora buio. Perché erano molto turbate e c'era poca luce, hanno fatto confusione e sono entrate in una tomba vuota per errore. Felici e convinte che Gesù fosse risorto, sono corse a dirlo agli Apostoli. Gli Apostoli, sentito questo, hanno iniziato a diffondere la notizia della Resurrezione a Gerusalemme.

Questa spiegazione ha diversi grandi problemi.

  1. È molto improbabile che gli Apostoli non avrebbero corretto l'errore delle donne. Il Vangelo di Giovanni descrive come hanno cercato di fare proprio questo, controllando la tomba.
  2. Non solo i seguaci di Gesù, ma anche i suoi avversari sapevano dove si trovava la tomba, che era quella di Giuseppe d'Arimatea, un importante membro della comunità ebraica. Se il corpo di Gesù fosse ancora stato nella tomba quando gli Apostoli iniziarono a predicare, le autorità avrebbero potuto facilmente mostrare il suo corpo per smentire la Resurrezione. Ma questo non è accaduto.
  3. La predicazione della Resurrezione cominciò a Gerusalemme, molto vicino al luogo della crocifissione e della tomba.

Questi dettagli fanno sembrare molto poco convincente la teoria che le donne abbiano visitato la tomba sbagliata.

2 – La teoria delle allucinazioni

Questa seconda teoria sostiene che la risurrezione di Cristo sia avvenuta solo nella mente dei discepoli. Il dottor William McNeil articola questa posizione nel suo libro A World History . Lui scrive:

Le autorità romane a Gerusalemme arrestarono e crocifissero Gesù… Ma subito dopo gli apostoli scoraggiati si riunirono in una stanza al piano superiore e improvvisamente sentirono di nuovo la commovente presenza del loro maestro. Ciò sembrava una prova assolutamente convincente che la morte sulla croce di Gesù non era stata la fine ma l'inizio… Gli apostoli traboccavano di eccitazione e cercavano di spiegare a tutti coloro che volevano ascoltare tutto quello che era successo .


La posizione che sostiene le apparizioni come allucinazioni non è valida per vari motivi. Gli esperti affermano che per avere allucinazioni, devono esserci condizioni specifiche, ma queste condizioni non erano presenti.

  1. Solitamente, solo le persone molto immaginative e ansiose hanno allucinazioni, ma le apparizioni di Gesù sono state riportate da molti tipi di persone.
  2. Le allucinazioni sono esperienze personali e uniche. Le persone non le vivono allo stesso modo. Tuttavia, in questo caso, oltre cinquecento persone hanno condiviso una storia simile.
  3. Le allucinazioni tendono a verificarsi in momenti e luoghi specifici legati a determinati eventi. Le visioni della Risurrezione, invece, sono avvenute in vari posti e tempi.
  4. Di solito, le allucinazioni avvengono in persone che desiderano ardentemente credere in qualcosa. Ma ci sono stati testimoni come Tommaso e Giacomo, che erano inizialmente scettici o non credevano affatto nella risurrezione.

Se qualcuno ancora pensa che le apparizioni fossero solo frutto dell'immaginazione, deve spiegare perché la tomba era vuota. Se gli Apostoli avessero inventato la storia della Resurrezione, le autorità avrebbero potuto semplicemente mostrare il corpo di Gesù per smentirli. Ma questo non è accaduto. Questo rende le teorie dell'allucinazione o del sogno molto poco convincenti.

3 – La teoria dello svenimento

Una terza idea, nata nel XIX secolo, propone che Gesù non sia morto in croce ma che sia solo svenuto e poi sia stato erroneamente creduto morto. Secondo questa teoria, si sarebbe ripreso dopo tre giorni, uscito dalla tomba e comparso ai suoi discepoli, che pensarono fosse risorto. Tuttavia, questa spiegazione non è più accettata oggi per vari motivi.

  1. Le ferite subite da Gesù a causa della crocifissione erano così gravi che sarebbe stato impossibile per lui sopravvivere.
  2. I soldati che eseguirono la crocifissione erano molto esperti in queste esecuzioni e presero misure extra per assicurarsi che fosse morto, come il colpo di lancia al costato.
  3. La fuoriuscita separata di sangue e acqua dal suo corpo indica che era già morto, perché ciò succede quando il sangue smette di circolare. Inoltre, anche se avevano intenzione di rompere le gambe a Gesù per accelerare la morte, si accorsero che non era necessario poiché era già deceduto.

Dopo la crocifissione, Gesù fu avvolto in tessuti con 36 kg di spezie e fu imbalsamato, rendendo improbabile che potesse semplicemente “svegliarsi” dopo tre giorni, specialmente senza cibo o acqua a disposizione. Inoltre, l'idea che potesse muovere da solo una grossa pietra del peso di due tonnellate e affrontare le guardie è ancora meno credibile. Infine, se fosse apparso ai suoi discepoli malridotto e bisognoso di cure, difficilmente lo avrebbero adorato come una figura divina.

Nel 19° secolo, David F. Strauss, un oppositore del cristianesimo, pose fine a ogni speranza in questa teoria. Sebbene non credesse nella Resurrezione di Gesù, concluse che questa era una teoria molto stravagante. 

È impossibile che un essere che era uscito mezzo morto dal sepolcro, che strisciava qua e là debole e malato, bisognoso di cure mediche, che aveva bisogno di fasciature, rinvigorimento e , e che alla fine si arrese alle sue sofferenze, avrebbe potuto dare ai discepoli l'impressione che egli avesse vinto la morte, che fosse il Principe della vita, impressione che sarà alla base del loro futuro ministero .

4 – La teoria del corpo rubato

Questa quarta argomentazione suggerisce che le autorità ebraiche o romane abbiano nascosto o rubato il corpo di Gesù per proteggerlo. Questa idea non regge. Se le autorità avessero avuto il corpo, non avrebbero avuto motivo di accusare i discepoli di averlo rubato. Inoltre, negli Atti degli Apostoli, si vede che le autorità ebraiche cercarono di fermare la diffusione del cristianesimo, il che dimostra che non erano in possesso del corpo. È improbabile che i discepoli avrebbero inventato una storia così pericolosa, che avrebbe potuto portare alla morte di molti, se non fosse stata vera. Le autorità non hanno mai presentato il corpo per smentire la storia della Risurrezione, il che indebolisce ulteriormente questa teoria.

5- La teoria dei soldati si addormentarono

La quinta e forse la più popolare delle teorie circola sin dal giorno della Resurrezione ed è ancora tenuta in considerazione da molti oppositori del cristianesimo. Matteo 28:12-13 dice che:

12 Questi si riunirono allora con gli anziani e deliberarono di dare una buona somma di denaro ai soldati dicendo: 13 «Dichiarate: i suoi discepoli sono venuti di notte e l'hanno rubato, mentre noi dormivamo

Questa spiegazione risulta impossibile per diverse ragioni

  1. Se i soldati dormivano, come facevano a sapere che erano stati i discepoli a rubare il corpo? 
  2. Sembra impossibile per i discepoli superare di soppiatto i soldati e poi spostare una pietra di due tonnellate su per un pendio in assoluto silenzio. Sicuramente le guardie avrebbero dovuto sentire qualcosa.
  3. La tomba, poi, era chiusa da un sigillo romano. Chiunque avesse spostato la pietra avrebbe rotto il sigillo, reato punibile con la morte. I discepoli erano depressi ed anche codardi. Difficile credere che improvvisamente si fossero dimostrati così coraggiosi da affrontare un distaccamento di soldati, rubare il corpo e poi mentire sulla Resurrezione di Gesù. Fare questo alla fine li avrebbe portati ad una vita di sofferenze e di morte.
  4. Le guardie romane difficilmente si sarebbero addormentate durante un compito così importante. Se l'avessero fatto sarebbero andati incontro a pesanti pene. I discepoli avrebbero dovuto quindi sopraffarli. Uno scenario molto improbabile.
  5. Nel Vangelo di Giovanni (20,6-7) si dice che «6 Giunse intanto anche Simon Pietro che lo seguiva ed entrò nel sepolcro e vide le bende per terra, 7 e il sudario, che gli era stato posto sul capo, non per terra con le bende, ma piegato in un luogo a parte». Non ci sarebbe stato abbastanza tempo perché i discepoli superassero in segreto le guardie, spostassero la pietra, prendessero il corpo, lo togliessero dalle fasce e riponessero il copricapo in modo ordinato accanto al resto. In una vera situazione di furto, i ladri avrebbero lasciato gli indumenti in disordine e sarebbero fuggiti velocemente per evitare di essere scoperti.

Teorie che non spiegano la tomba vuota

Queste cinque teorie non spiegano in modo soddisfacente la tomba vuota, il cambiamento radicale degli Apostoli e l'origine del cristianesimo proprio nella città dove Gesù fu crocifisso. Dobbiamo quindi prendere seriamente in considerazione l'idea che Gesù sia davvero risorto. Questa possibilità ha implicazioni molto importanti.

  1. Se Gesù è risorto dai morti, allora ciò che ha detto di Se stesso è vero. Egli affermò: “«Io sono la risurrezione e la vita; chi crede in me, anche se muore, vivrà». (Giovanni 11:25). Egli affermò anche: «Io sono la via, la verità e la vita. Nessuno viene al Padre se non per mezzo di me». (Giovanni 14:6). La vita eterna è considerata raggiungibile solo attraverso Gesù Cristo. Perciò, secondo questa visione, ogni credo che neghi ciò sarebbe errato. Diversamente da altri leader religiosi, la cui ultima dimora è divenuta un luogo di pellegrinaggio, la tomba di Gesù non è nota perché era vuota: non conteneva il suo corpo. Non c'è stato quindi motivo di preservare o venerare una tomba vuota.

Paolo, poi scrive in 1 Corinzi 15:54: “Quando poi questo corpo corruttibile si sarà vestito d'incorruttibilità e questo corpo mortale d', si compirà la parola della . La morte è stata ingoiata per la vittoria”.

A che ora è morto Gesù?

Se arrivati a questo punto vi interessa sapere a che ora è morto Gesù, forse vi andrà di leggere questo articolo:

Lascia un Commento