in

Ma’nene il Festival Della Morte

Ma'nene Il Festival Della Morte

In una strana e orribile tradizione, ogni anno, gli indonesiani dissotterrano i loro parenti defunti, li vestono e li fanno sfilare per le strade. Si tratta del Ma’nene: Il Festival Della Morte.

Celebrare la Morte nel Ma’nene

“Riposa In Pace” sembra un augurio sconosciuto nella remota isola di Sulawesi, in Indonesia. Benvenuti al festival di Ma’nene, che letteralmente significa “Cerimonia di pulizia dei cadaveri“. Sebbene la maggior parte degli abitanti dell’isola, chiamati Toraja, sono cristiani o musulmani, un piccolo gruppo di persone pratica ancora l’Aluk Todolo o per meglio dire il culto della Via degli Antenati.

La convinzione di base che sottende festival è la convinzione che per le persone che la morte sia solo il primo passo in una nuova vita spirituale.

Le origini del Ma’nene

Ma'nene Il Festival Della Morte

Si ritiene che il festival della morte, noto come Ma’nene, abbia avuto origine nel villaggio di Baruppu più di un secolo fa . La leggenda narra che un cacciatore di animali di nome Pong Rumasek stava cacciando in montagna quando trovò un cadavere abbandonato, in decomposizione, sotto un albero. Rumasek vestì il cadavere con i suoi stessi abiti e gli diede una degna sepoltura, credendo di essere stato benedetto dalla fortuna. La pratica fu quindi adottata dalla popolazione, che credevano che gli spiriti li avrebbero ricompensati per essersi presi cura dei morti.

Quando una persona muore nel villaggio, il funerale non si conclude in un giorno. Le cerimonie funebri possono andare avanti anche per settimane. In questo modo la famiglia ha possibilità di dare ai loro parenti un rituale chiamato “Puya“. Puya comprende sacrifici di animali come tori e bufali. Le corna degli animali vengono poi utilizzate per adornare la casa del defunto. Si ritiene che più corna ci sono sulla casa di una persona, più quella persona sia rispettata. 

Grotte Funerarie e bambini negli alberi

Ma'nene Il Festival Della Morte

È raro che i membri della tribù Toraja, alla loro morte vengano sepolti. Poiché il villaggio è situato in cima a diverse montagne, sul fianco della montagna sono state scavate diverse grotte, per ospitare i corpi. Addirittura i cadaveri vengono lasciati in bare di legno appese al fianco della montagna. Allo stesso modo, i bambini vengono seppelliti nelle cavità degli alberi. I corpi sono avvolti in ampi strati di stoffa per prevenire o rallentare il processo di decomposizione.

Uno dei motivi per cui i funerali vengono celebrati in ritardo è anche perché i funerali sono costosi. Le famiglie hanno quindi bisogno di tempo per raccogliere denaro oltre che per preparare i rituali. Più alto è lo status della persona, più costosa sarà la cerimonia. È compito dei membri della famiglia preparare il corpo per le celebrazioni e, per quanto strano possa sembrare, lo fanno con un sorriso sulle labbra. 

Una volta che i corpi sono stati deposti nelle grotte sui monti, un’effigie lignea chiamata “Tau Tau” viene posta vicino ai corpi a guardia degli stessi. I morti vengono definiti come “una persona malata” o “colui che dorme” perché la gente del posto non crede di essere veramente morta finché non è stata sepolta.

Ma'nene Il Festival Della Morte

Foto del Festival di Ma’nene

Se siete convinti che guardare altre foto di questo festival dei cadaveri possa essere di vostro gradimento, potete guardare la galleria fotografica di Dopo La Morte, dedicata a questo curioso evento. (Qui Il Link)

Pubbicato Originariamente il:15 Gennaio, 2022 @ 16:18

Seguici Su Facebook

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0

Riportare in vita un cadavere: I veri Frankenstein del 1800

Foto Ma'Nene39

Foto Ma’nene, il festival dei Cadaveri