Esperienze

Nell’Aldilà ho incontrato mio padre

aldilà padre

Nel giugno del 2015, un uomo di nome John ha vissuto un’esperienza straordinaria che ha cambiato per sempre la sua percezione della vita e della morte. Durante un esame cardiologico di routine, John ha vissuto quella che è nota come un’esperienza di pre-morte. Questo racconto, narrato in prima persona, ci porta attraverso le sue sensazioni e visioni, fornendo un’intima visione di ciò che potrebbe aspettarci nella vita dopo la morte. John ci racconta la sua storia con dettagli vividi, offrendoci un’occasione rara di esplorare i confini tra il nostro mondo e l’aldilà.


La Vita Dopo La Morte di John C.

Mi avevano inserito degli stent nel febbraio 2015. Pochi mesi dopo, nel giugno 2015, ho iniziato a provare nuovamente dolore e disagio al petto, simili a quelli che avevo avvertito prima degli stent. Sono stato trasportato in aereo dall’isola in cui vivo all’ospedale di Bellingham per essere osservato.

Durante l’esame, ero sdraiato sul tavolo, sveglio e vigile, senza alcun segno di disagio. Mi hanno inserito un catetere attraverso l’interno coscia. Dopo qualche minuto, il cardiologo mi ha chiesto se sentissi il catetere e se mi causasse fastidio. Gli ho risposto: “Non ho sentito nulla, ma non ci ho prestato molta attenzione. Prova di nuovo e ti farò sapere.” A quel punto ho chiuso gli occhi e mi sono concentrato interiormente. Non sentivo nulla fisicamente, ma percepivo la mia attenzione andare sempre più in profondità, come accade durante la meditazione.

Mi sentivo molto calmo.

Era buio, ma era un buio morbido e confortevole. Potevo “sentire” la presenza di altre persone e uno di questi esseri, credo, fosse mio padre, che era morto nel 2011 mentre ero al suo fianco. La comunicazione non era verbale, ma piuttosto sembrava fatta di rassicurazioni, come se tutto fosse esattamente come doveva essere. Il tempo sembrava fermarsi o rallentare molto.

Ricordo di aver aperto gli occhi, sorpreso di vedere tutti i dottori, infermieri e tecnici che si affannavano intorno a me. Mi sentivo molto tranquillo. Ho detto: “Wow! Devo essermi addormentato.” Uno del personale mi ha guardato e ha detto: “Sì, qualcosa del genere.” Non pensavo che fosse successo qualcosa di insolito. Non vedevo il cardiologo tra la folla. Il personale mi ha portato nella sala di recupero per l’osservazione. Sono rimasto lì forse un’ora prima che mi portassero nella mia stanza. Ancora una volta, mi sentivo molto calmo e sereno.

Alcuni anni dopo questa esperienza, sono tornato in ospedale per alcuni giorni di test cardiologici estensivi. Durante il mio soggiorno, ho avuto un incontro con un infermiere specialista in cardiologia coinvolto nei test da stress che utilizzavano un agente di contrasto radioattivo. Lo riconobbi immediatamente dalla mia esperienza di pre-morte e gli dissi: “Piacere di rivederti.” Mi guardò in modo strano e rispose: “Non ci siamo mai incontrati.” Cercai di insistere, ma era chiaramente a disagio e non voleva parlarne. Non ricordo di averlo visto prima o dopo l’esperienza di pre-morte. Tuttavia, so che era in quella stanza quel giorno, anche se lui lo negava. Ho la sensazione che potrebbe essere stato lui a applicare lo shock del defibrillatore.

Prima della mia esperienza, avevo già esplorato varie fedi.

Da bambino ero cresciuto nella tradizione cristiana protestante, ma da adulto avevo esplorato diverse dottrine. Avevo anche trascorso un paio d’anni in Scientology. Dopo l’esperienza di pre morte, il mio interesse per la natura spirituale della vita e per la ricerca di risposte è cresciuto notevolmente. Ora leggo molto su argomenti spirituali, religiosi e filosofici, scrivo molto su ciò che osservo e rifletto attraverso la meditazione, che è diventata una pratica quotidiana.

Questa esperienza mi ha dato la certezza che esiste una vita dopo la morte. La presenza di mio padre e la comunicazione non verbale che ho ricevuto mi hanno trasmesso la sensazione che tutto fosse esattamente come doveva essere, e che la nostra esistenza fisica non è la nostra esperienza finale. Non ho visto nessuna luce brillante, né ho attraversato tunnel. Ma sentivo una pace incredibile, un senso di unità con l’universo che non avevo mai provato prima.

Dopo l’esperienza, ho cambiato il mio modo di vedere la vita. Non sono più disposto a sprecare tempo ed energia in relazioni negative. Apprezzo di più le relazioni positive e ho ridotto il mio cerchio di amici e conoscenti. Il senso di calma e la certezza che ho acquisito sono i cambiamenti più significativi.

Non è stato facile descrivere questa esperienza a parole.

La presenza di mio padre, la comunicazione non verbale, la sensazione di pace e unità erano così intense che è difficile trasmetterle completamente. Anche se ho condiviso un po’ della mia esperienza con la mia famiglia, molti trovano l’argomento scomodo.

Credo fermamente che l’esperienza sia stata reale. Mi ha dato la certezza che tutto accade esattamente come dovrebbe e che c’è un principio divino o una natura divina che guida tutto. Nulla nella mia vita ha mai riprodotto questa esperienza. Ma da allora, la mia intuizione sembra più acuta e i miei sogni più vividi, portando messaggi positivi e lezioni spirituali.

Nella mia breve permanenza nell’aldilà, ho percepito molte porte, ma ho potuto provarne solo una e sono tornato in vita. Quello che ho visto e sentito mi ha cambiato profondamente, dandomi una nuova prospettiva sulla vita e sulla morte.

Lascia un Commento