in

Neurochirurgo rivela di aver avuto un’esperienza di pre-morte mentre era in coma

Il neurochirurgo Dr Eben Alexander ha rivelato ciò che ha visto durante la sua esperienza di pre-morte che avrebbe avuto mentre era in coma profondo.

Neurochirurgo esperienza pre-morte

Elban Alexander, un neurochirurgo accademico ha raccontato di aver avuto un’esperienza di pre-morte “che gli ha cambiato la vita”. Elban ha vissoto questa esperienza mentre era in coma profondo quando il suo cervello era stato devastato da una rara infezione batterica.

Prima di allora, il dottor Eben Alexander, 68 anni, era molto scettico sul fatto che potesse esistere una vita dopo la morte, credendo che quando moriamo la nostra coscienza muore insieme a noi.

Un Capovolgimento della Vita

Oggi, lo stesso neurochirurgo definisce la sua esperienza di NDE come qualcosa di profondo e che cambia la vita. Alexander da allora ha sperimentato un “capovolgimento di 180 gradi” nel suo sistema di credenze, avendo affermato di aver visto il paradiso con i suoi occhi, definendolo più reale e vivo del regno in cui abitiamo attualmente.

«Fondamentalmente avevo una visione materialista molto convenzionale, scientifica e riduttiva» racconta il neurochirurgo. «Ero fermamente convinto che la coscienza fosse creata dal cervello e che esistesse solo il mondo fisico». «La mia esperienza, invece, mi ha mostrato che la coscienza è qualcosa che è insita nell’universo e non ha origine nel cervello».

«Quella che ho vissuto è stata l’esperienza più straordinaria, memorabile, dettagliata e ultra reale di tutta la mia vita», ha continuato Alexander. «In effetti, il mondo in cui viviamo, questo mondo materiale, è ben più vago e onirico di quello che ho visto dall’altra parte. Quel mondo è nitido, vivo e molto reale».

Il Viaggio del Dottor Elban

Il 10 novembre 2008, Alexander si è svegliato presto al mattino lamentando forti dolori alla schiena, seguiti da quello che il dottore ha descritto come il “peggiore mal di testa della sua vita”.

Convinto di essersi preso una brutta influenza, Alexander ha insistito con sua moglie che non aveva bisogno di chiamare un’ambulanza e che aveva solo bisogno di dormire.

Sua moglie quindo lo ha lasciato da solo per qualche ora ma quando più tardi è tornata per controllarlo, Alexander era in preda alle convulsioni, con gli occhi girati dietro la testa.

Elban è stato portato di corsa nello stesso ospedale dove aveva lavorato negli ultimi anni come neurochirurgo.

Si scoprì presto che aveva contratto una forma incredibilmente rara e aggressiva di meningoencefalite da E. coli e in poche ore il virus aveva iniziato a rosicchiargli il cervello.

Coma Farmacologico

Alexander è stato frettolosamente messo in coma coma farmacologico e posto sotto ventilazione con le sue possibilità di sopravvivenza che diminuivano di ora in ora.

Secondo Alexander, le sue cartelle cliniche dimostravano che il suo cervello era stato “gravemente danneggiato” così come il suo tronco cerebrale – che controlla le funzioni corporee fondamentali come la respirazione e la frequenza cardiaca.

Nella migliore delle ipotesi, i medici davano ad Alexander una possibilità di sopravvivenza del 10%. Quel numero si sarebbe ridotto a solo il 2% con il trascorrere dei giorni. Ma mentre i suoi famigliari erano accanto al suo letto, il dottor Alexander era all’inizio del suo viaggio nell’altro regno.

Un altro regno

Era buio. Alexander credeva di essere da qualche parte sottoterra immerso in una sostanza fangosa simile a una gelatina. Non aveva alcun senso di sé, né alcun ricordo della sua vita prima di quel momento, ma si ritrovò circondato da radici nere. La sua vista era sfocata e non riusciva a parlare.

«La gente tende a pensare vivere questo tipo di esperienza, in uno stato di quasi amnesia, debba essere stato molto orribile, ma a me sembrava tutto molto naturale. Si trattava semplicemente della mia esistenza.»

Poi ho cominciato a salire ed ho attraversato un cancello, che si apriva su un grande globo luminoso traboccante di luce. Questa luce ed emetteva musica celestiale che io chiamo la “melodia rotante“».

La luce si è poi aperta come uno squarcio, inglobandolo per essere trasportato in una terra lussureggiante e verdeggiante, dove “le cascate terminavano in pozze di cristallo“.

Nel cielo c’erano morbide nuvole rosa e bianche simili a marshmallow, e la terra era popolata da alberi ad alto fusto, ampie vallate e gruppi di persone gioiose che ballavano in armonia indossando abiti da contadino.

Alexander afferma di aver esplorato questa terra tasportato da ali di farfalla, e accanto a lui sedeva una bellissima donna con penetranti occhi azzurri.

Anche se la donna non ha comunicato con lui usando le parole, Alexander afferma che la donna gli avrebbe trasmesso telepaticamente un pensiero: “Sei amato. Sei amato. Non c’è niente che possa farti del male”.

Tante anime in viaggio

Alexander ha affermato di essere a conoscenza di numerose altre anime in viaggio e ha descritto tutto come qualcosa di interconnesso, intrecciato insieme come se fosse tutto parte di un arazzo luminoso e vivente.

Ma in un istante, questo regno celeste svanì per essere sostituito da un luogo di profondità e oscurità infinite. Al centro di questo nuovo paesaggio c’era una luce brillante e pulsante. Per Alexander quella luce era il Creatore, amorevole al centro di tutta l’esistenza.

La sua sensazione era quella di essere tutt’uno con la presenza divina. Poi divenne consapevole di un altro regno, il regno che si era lasciato alle spalle.

Alexander afferma di aver visto cinque volti emergere dall’oscurità e presentarsi a lui, e, sebbene non li abbia riconosciuti, ha detto che poteva percepire tutta la loro preoccupazione per lui.

Di Nuovo Sulla Terra

Il Neurochirurgo si è quindi svegliato sfidando le probabilità di una morte quasi certa. Alexander riaprì gli occhi al Lynchburg General Hospital, senza alcun ricordo di chi fosse, né di chi fossero le quattro persone che lo circondavano.

Soltanto poche ore prima, i medici avevano avvisato la famiglia di Alexander che sarebbe stato meglio sospendere le cure e lasciarlo semplicemente morire.

Per la maggior parte della prima settimana, Alexander ha detto di aver vissuto quella che è nota come Delirium in Terapia Intensiva, soffrendo di terribili incubi e strane allucinazioni. Quelle visioni erano tuttavia molto diverse dal “viaggio spirituale” che aveva intrapreso mentre era in coma.

I ricordi di quegli incubi post-risveglio sono scomparsi nel giro di una o due settimane, al contrario di quelli dell’esperienza avuta nel coma profondo. Tutto era nitido, vivido, vivo e dettagliato, come se l’intera faccenda fosse appena accaduta.

Nel giro di un paio di settimane, il neurochirurgo stava riacquistando la piena funzionalità del suo cervello. Le quattro persone intorno al suo capezzale, si sarebbe reso conto più tardi, altri non erano che i membri della sua famiglia. Anche i quattro volti che aveva visto nella sua NDE prima di risvegliarsi erano i membri della sua famiglia.

La quinta persona che aveva visto mentre era in coma, dice, era un parente che afferma di essere un sensitivo e stava cercando di entrare in contatto con lui mentre era sull’orlo della morte.

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

GIPHY App Key not set. Please check settings

Loading…

0
Perché si diventa fantasmi dopo la morte

Perché si diventa fantasmi dopo la morte

La Tua Prossima Vita