Esperienze

Una Figura Misteriosa vista durante una pre-morte?

pre-morte figura misteriosa

Vi raccontiamo la straordinaria esperienza di pre-morte di Violet, durante la quale ha incontrato una figura misteriosa in un paesaggio che poco aveva a che fare con il fondo della piscina nella quale stava annegando. La sua narrazione ci porta in un viaggio attraverso un momento di pace e armonia assoluta, suggerendo l’esistenza di una vita dopo la morte.

Nel cuore degli anni ’90, Violet T si trovava in una situazione che avrebbe potuto porre fine alla sua vita: stava annegando in una piscina durante una vacanza in famiglia. Nonostante non fosse credente e trovasse l’idea di Dio piuttosto assurda, quello che le accadde sotto l’acqua cambiò per sempre la sua percezione dell’esistenza.


La Vita Dopo La Morte per Violet

Mi ricordo di essere stata sotto l’acqua, in preda al panico per un attimo. Poi, una calma straordinaria. Era come se il tempo si fosse fermato. Non sembrava neanche di essere più nella piscina, ma ero ancora sott’acqua.

Vedevo alberi e un paesaggio sullo sfondo. C’era una donna che galleggiava poco più in alto rispetto a me. Penso fosse vestita di bianco, ma la luce era così intensa che non riuscivo a distinguere bene. La luce formava un grande fascio e alcuni fasci più piccoli provenienti dal cielo. Non sono sicura se la donna mi parlasse o meno, perché non riuscivo a sentirla. All’inizio tutto era silenzioso. Poi è diventato molto rumoroso e ho sentito urla e grida. Sentivo anche l’acqua, come quando sei sott’acqua, con il rumore dell’acqua che si muove e della gente che nuota e schizza.

All’improvviso sono tornata in me e ho guardato in su. Mia cugina ha nuotato sopra di me e in qualche modo sono riuscita ad afferrarle la vita e lei mi ha tirato fuori dalla piscina. Non sono stata portata in ospedale. Ricordo solo di aver tossito un po’ d’acqua.

Non sono sicura che si trattasse di un’esperienza di pre-morte, ma non ho mai avuto molta immaginazione. Mi è difficile sognare ad occhi aperti o persino visualizzare immagini nella mia mente, quindi non credo di averlo inventato. Ho avuto altri incontri ravvicinati con la morte a causa di overdose di droghe e ma non ho vissuto niente di simile. Era più come quando sogni e hai un incubo piuttosto vivido.

Quando mi sono trovata sotto quell’acqua, sembrava che tutto accadesse contemporaneamente; il tempo si era fermato o aveva perso ogni significato. Non ho idea di quanto tempo sia stata sott’acqua. Sembrava un’eternità. Tutto era al rallentatore.

La mia vista durante l’esperienza era molto più nitida rispetto alla vita di tutti i giorni. I miei sensi erano intensificati, ma la luce intensa e la visione di quella donna non mi spaventavano. Era anzi rilassante, il che non è normale per me.

La calma, la pace e il comfort che ho provato, insieme a un senso di appartenenza, erano indescrivibili. Non avevo mai provato una tale armonia con l’universo, come se fossi esattamente dove dovevo essere.

Dopo quell’esperienza, nonostante fossi una bambina ho iniziato a dubitare che la morte fosse la fine di tutto.

Oggi, non descriverei me stessa come una cristiana rinata nel senso tradizionale, ma sono rinata nel mio modo. Credo che nella Bibbia non ci vengano date tutte le informazioni e che alcune cose siano state cambiate o omesse.

Nonostante siano passati quasi trent’anni, quella esperienza rimane con me come un ricordo nitido, a differenza di altri eventi della mia vita di quel periodo. Non credo di averla immaginata. E anche se ora sono più grande, il ricordo continua a convincermi che ci sia qualcosa dopo la morte, che quella esperienza non fosse solo frutto della mia immaginazione.

E se c’è una cosa di cui sono certa, è che quella sensazione di pace e appartenenza che ho provato, vorrei poterla rivivere, anche solo per qualche secondo. Non so chi fosse quella figura misteriosa e se quella fosse una vera esperienza di pre-morte.

Lascia un Commento