Esperienze

Ricordi di Vite Precedenti: Un Viaggio Straordinario

Ricordi di vite precedenti

Il giorno in cui ho iniziato a ricordare le mie vite precedenti è avvolto nella nebbia della mia memoria, ma le sensazioni intense e la stanchezza opprimente che ho provato sono ancora vive nella mia mente. Questa esperienza unica mi ha portato in un viaggio tra coscienza e inconscio, rivelandomi aspetti della mia anima che non avrei mai immaginato. Mentre parlavo al telefono con alcuni amici, mi sono resa conto che stavo perdendo il filo della conversazione, entrando ed uscendo dalla coscienza, incapace di seguire ciò di cui parlavamo. Tutto sembrava così lontano e io ero così assonnata. Ho deciso di augurare loro la buonanotte e di sdraiarmi, ignara che stavo per intraprendere un viaggio nei ricordi delle mie vite precedenti.

Il Dolce Abbraccio dell’Inconscio: Perdendomi e Ritrovandomi nei ricordi di vite precedenti

Un senso di pesantezza mi avvolse dolcemente e rapidamente. Non riuscivo ad aprire gli occhi. Le mie membra sembravano di piombo. Il mio cuore batteva troppo velocemente, o forse troppo lentamente, e il mio respiro era superficiale. Ma andava bene, c’era una sorta di pace. Ero stanca, pensavo solo di aver bisogno di dormire. Accesi la TV preferito e mi accoccolai sul divano con una coperta morbida. Era buio, tranne per la luce blu della televisione, e le voci del programma in TV mi cullavano facendomi scivolare in un sonno profondo. Avevo resistito tutto il giorno, ma una volta ceduto, era stato facile. C’era un pizzico di paura, ma per la maggior parte mi sentivo in pace. Era un sollievo. Ero stanca e finalmente stavo per dormire, forse avrei persino avuto dei ricordi di vite precedenti nei miei sogni.

Dialoghi con il Passato: Incontri Inaspettati nell’Abisso dell’Anima

Una volta chiusi gli occhi, il mondo intorno a me sembrò cambiare. Improvvisamente, stavo cadendo in un buco. Forse “galleggiare” è un termine migliore, perché non c’era un corpo. Era solo la mia essenza, il mio essere, che cadeva come Alice quando andava nel Paese delle Meraviglie.

Più scendevo, più diventava profondo e oscuro. Il mio corpo era solo un ricordo. Non ero nulla, e allo stesso tempo ero tutto; e anche se era spaventoso, era anche eccitante. Mi sentivo rimpicciolire. Ero incredibilmente piccola, un puntino sulla faccia dell’universo. La mia anima si accoccolò nell’abisso per quello che sembrava un’eternità, anche se la paura non c’era. Era accettazione. Era consapevolezza, questo era sempre chi ero stata, e chi siamo tutti, e ero tornata in un luogo familiare. Mia madre diceva sempre che prima di nascere ero solo un barlume nel suo occhio, ed era così che mi sentivo. Non ero una persona. Ero un concetto. Una coscienza. Questa esperienza mi ha fatto riflettere sui ricordi di vite precedenti e su come essi possano influenzare la nostra vita attuale.

Il Ritorno alla Realtà: Consapevolezza e Cambiamento

Sarei stata felice di rimanere lì, ma qualcosa mi tirò indietro. C’era questa ondata di sensazioni, di adrenalina. Mi sentivo estatica, felice, e c’era una luce brillante. Improvvisamente vidi tutto ciò che mi era mai accaduto, non solo in questa vita, ma in tutte le vite precedenti.

Ero una bambina assassinata in Appalachia. Ero un pittore francese celibe con i baffi. Capivo improvvisamente il tempo per quello che è veramente: non qualcosa che accade in un movimento consecutivo e lineare, ma un’esplosione di eternità tutto in una volta per l’infinito. Era bellissimo, e capivo tutto. Poi, da qualche parte intorno a me in questa ameba di anima, amore e pensiero, mio nonno parlò. Era morto nel 2017 a causa di un cancro aggressivo che lo aveva portato via rapidamente, e la sua morte aveva avuto un impatto profondo soprattutto su mia madre, che aveva perso sua madre nel 1996 a causa della sclerosi multipla. Mio nonno disse che era orgoglioso di me, e che mi mancava e mi amava. Potevo annusare lui e la sua vecchia casa: vini rossi robusti, formaggi aromatici e una manciata di cene in famiglia.

Ricordi di vite precedenti: Di Nuovo Bambina

Improvvisamente avevo 7 anni e guardavo PBS Kids nel suo soggiorno, il suo vecchio labrador cioccolato, Riley, accoccolato al mio fianco. “Sono così felice di vederti. Ti amo e mi manchi anche io”, pensai, e lui mi sentì. Non appena la sua casa si era manifestata, era sparita di nuovo, e la luce brillante diventava più intensa. Era come se un treno mi stesse correndo incontro e io fossi sdraiata sui binari. Quasi altrettanto rapidamente come mi ero addormentata, mi schiantai di nuovo nel mio corpo. Era come tuffarsi in una piscina fredda, e tirai un grande respiro.

I miei occhi si aprirono e tornai nel mio seminterrato. Erano passati solo quindici minuti, ma non sembrava possibile. Mi sembrava di essere stata via per un’eternità, o forse solo per pochi secondi. Il panico si scatenò dopo il risveglio. “Ho ufficialmente perso la testa”, pensai. Il giorno dopo, contattai il mio psichiatra. Non ero sicura di cosa fosse successo, ma era qualcosa che non potevo ignorare. La cosa strana era che, una volta sveglia, il mondo sembrava diverso. Non ero solo sveglia, ero consapevole.

Questa esperienza mi ha lasciato con molti interrogativi sui ricordi di vite precedenti e su come essi possano influenzare il nostro percorso di vita. Se sei interessato a capire se anche tu hai vissuto vite precedenti, puoi leggere questo articolo.

Lascia un Commento