in

Sette rituali di sepoltura da tutto il mondo

rituali di sepoltura

È noto che ognuno ha una reazione molto personale alla notizia della morte di una persona cara. Così come accade per le persone, anche le tante culture presenti in tutto il mondo celebrano ed onorano la morte a modo loro. Ecco quindi sette rituali di sepoltura da tutto il mondo.

Tradizioni Filippine

I rituali di sepoltura filippini sono molti ma tutti molto affascinanti ma possiamo includerli in questo unico punto, dato che provengono dallo stesso paese.

  • Il popolo Tinguian veste il defunto con abiti sgargianti e lo mette a sedere su una sedia. Spesso a questa posa fatta assumere al cadavere viene aggiunta una sigaretta tra le labbra.
  • I Benguet bendano i morti e poi le fanno sedere su una sedia alla soglia di casa.
  • La popolazione Ceubana è solita vestire di rosso i bambini che partecipano al funerale per ridurre la possibilità che questi vedano fantasmi.
  • Nella regione di Sagada si appendono le bare alle scogliere così da avvicinare il più possibile le anime dei morti al paradiso.
  • A Cavite si è soliti seppellire il defunto in verticale dentro un albero scavato e scelto dallo stesso defunto (naturalmente prima di morire).

La Torre Del Silenzio

Una tradizione zoroastriana crede che un cadavere possa contaminare tutto ciò che viene in contatto con esso, fuoco e suolo inclusi. L’unica soluzione è sollevare il cadavere in aria e farlo mangiare dagli avvoltoi. Il rituale cominciava con la pulizia del corpo, che andava fatta con urina di toro. In seguito, gli strumenti utilizzati per tagliare i vestiti via dal cadavere dovevano essere distrutti. Solo a quel punto il corpo poteva essere issato su uns Torre Del Silenzio posta lontano dai vivi così da non poter essere contaminati.

Famadihana

Uno dei rituali di sepoltura più affascinanti è quella del Madagascar. In Madagascar c’è l’usanza di girare le ossa. Di tanto in tanto, i nativi del Madagascar aprono le tombe e per l’occasione avvolgono i loro morti in nuovi abiti funerari. Ma il rituale di Famadihana (che si traduce letteralmente “girare le ossa) non si limita a dare nuovi vestiti ai morti. Dopo il cambio d’abito, ai morti viene concesso un ballo con tanto di musica a due passi dalla tomba. Il motivo di questo rituale è quello di accelerare il processo di decomposizione dei morti in maniera tale da agevolare lo spirito del morto a raggiungere l’aldilà.

La Sepoltura Nel Cielo

In Tibet i buddisti cercano con il rituale della Sepoltura Nel Cielo di indirizzare le anime dei propri cari verso il paradiso. Seguendo il rituale, i cadaveri vengono lasciati all’esterno, e spesso anche fatti a pezzi per essere divorati da uccelli e altri animali. Lo scopo è multiplo. Con il rutale del cielo si elimina il corpo, ormai considerato solo un guscio vuoto e si libera l’anima di andare in cielo. In più il guscio vuoto sarà utile agli animali che se ne ciberanno ricevendo sostentamento.

La Parata

C’è una tradizione di Varanasi, in India dove i morti vengoni fatti sfilare per le strade vestiti di colori simbolici delle virtù che il defunto aveva quando era ancora in vita. Ad esempio i cadaveri vengono vestiti di giallo per indicare le loro grandi conoscenze o di rosso a testimoniare la purezza. Per facilitare le anime a raggiungere la salvezza, e al fine di completare il ciclo della reincarnazione, sui corpi viene spruzzata l’acqua del Gange. Il rituale termina con la cremazione.

Perle dalle Ceneri

I sudcoreani hanno dato seguito alla classica cremazione dei cadaveri trasformando le ceneri del defunto in perline. Le perline prodotte dalle ceneri dei defunti hanno colori che variano dal rosa al nero o al turchese. Le perle sono posizionate all’inderno di vasi di vetro o lasciate in vassoi così da essere un vero e proprio elemento decorativo.

La Sepoltura Dell’Acqua

Molte culture dei paesi nordici prevedono l’acqua nei loro rituali funebri. In questi paesi le bare possono essere deposte in cima alle scogliere e rivolte verso il mare o direttamente calate in acqua. Alcuni mettono i corpi su delle “navi della morte lasciate alla deriva lungo un fiume o nell’oceano, così da restituire i corpi agli dei.

Il Ma’nene

Sebbene non possa essere annoverato tra i rituali di sepoltura esiste in indonesia una tradizione molto particolare. Ogni anno, gli indonesiani dissotterrano i loro parenti defunti, li vestono e li fanno sfilare per le strade. Si tratta del Ma’nene: Il Festival Della Morte. Ne parliamo IN QUESTO ARTICOLO.

Che ne pensi?

Commenti

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

GIPHY App Key not set. Please check settings

    Loading…

    0
    Morire dal Ridere

    Si può morire dal ridere?

    la morte del Papa, dopo

    La morte del Papa: Che succede dopo?